ITALIA SISMICA: I TERREMOTI DI AGOSTO 2013

CONDIVIDI

Ad agosto i terremoti non sono andati in vacanza. Sono stati infatti 2237 gli eventi sismici registrati dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel mese passato: una media di oltre 70 terremoti al giorno. Tante le sequenze che si sono attivate o sono proseguite in questo periodo in tutto il territorio, con 4 eventi di magnitudo maggiore o uguale a 4.0.

L’evento di magnitudo maggiore (4.4) è stato registrato il 22 agosto alle 08:44 italiane in Adriatico centro-settentrionale, circa 15 Km a est della costa marchigiana tra le province di Ancona e Macerata. Questo terremoto si è verificato nella stessa area dove dal 21 luglio si sta sviluppando una sequenza sismica iniziata con un evento di magnitudo 4.9. Nel mese di agosto sono stati circa 40 gli eventi della sequenza, tutti di bassa magnitudo tranne quello del giorno 22. Va considerato che in caso di sequenze a mare i terremoti più piccoli non vengono localizzati facilmente, a causa della distanza degli ipocentri dalla rete sismica.

I terremoti dal 1 al 31 agosto 2013

I terremoti dal 1 al 31 agosto 2013

Nella notte tra il 15 ed il 16 agosto, sulla costa nord-orientale della Sicilia in provincia di Messina, sono stati registrati nel giro di due minuti (01:04 e 01:06 italiane) due terremoti rispettivamente di magnitudo 4.1 e 4.2.  Nelle ore e nei giorni successivi si sono verificati numerosi altri eventi nell’area: al 31 agosto i terremoti localizzati erano oltre 220, tutti di bassa magnitudo (al massimo 2.6).

Sempre in Sicilia, un altro terremoto di magnitudo 4.0 è avvenuto alle ore 19:18 del 24 agosto sulla costa sud-orientale dell’isola, tra le province di Ragusa e Siracusa. Non si sono registrate repliche per questo evento.

La sismicità in Umbria nei pressi di Gubbio si è intensificata tra il 26 e il 27 agosto con un evento di magnitudo 3.7, seguito da moltissimi aftershock nelle prime ore. Da inizio mese gli eventi registrati nell’area sono stati un centinaio circa; dal 26 fino alla fine del mese si sono avuti altri 500 terremoti circa, tutti di bassa magnitudo.

Infine è proseguita la sequenza sismica in Lunigiana iniziata lo scorso giugno: sono stati oltre 220 i terremoti registrati in questo periodo, tre dei quali hanno avuto magnitudo uguale o superiore a 3.0. L’evento più forte si è verificato nella notte tra il 14 e il 15 agosto con magnitudo 3.6.


fonte: ingvterremoti.wordpress.com