IL FRACKING HA PROVOCATO IL TERREMOTO IN OKLAHOMA?

CONDIVIDI

fracking_01Gli scienziati hanno collegato il più grande terremoto avvenuto in Oklahoma, allo smaltimento delle acque da produzione petrolifera, aggiungendo altre prove che possono condurre ad una regolamentazione del fracking per petrolio e gas.

Il terremoto di magnitudo 5,7 del 2011 ha seguito un aumento di ben 11 volte dell’attività sismica in tutta la zona centrale degli USA negli anni recenti, mentre venivano perforati pozzi di smaltimento per gestire l’aumento di acque reflue da fracking.

I ricercatori dell’Università dell’Oklahoma, della Columbia University e dell’US Geological Survey, che hanno pubblicato la loro ricerca sulla rivista Geology, sostengono che i risultati evidenziano il rischio a lungo termine causato dalle migliaia di pozzi, e mostrano la necessità di un monitoraggio migliore e la supervisione del governo.

Heather Savage, della Columbia University, ha dichiarato in proposito: “Non c’è una bacchetta magica, ma se avessimo maggiore capacità di monitoraggio, saremmo in grado di vedere queste cose, ed osservare tutti gli eventi precursori”.

I ricercatori hanno segnalato che il terremoto del 6 novembre 2011 vicino a Prague è stato il più forte registrato in Oklahoma, e potrebbe essere il più forte legato all’iniezione di acqua proveniente dal processo di perforazione.

Il sisma in questione ha distrutto 14 case, danneggiato altri edifici, ferito due persone e deformato la pavimentazione stradale.

Secondo Katie Keranen, scienziata co-autrice del rapporto, “non è molto importante da dove proviene l’acqua… ciò che conta davvero è il modo in cui ce ne liberiamo”.

Anche l’USGS (United States Geological Survey) conferma che l’ondata di terremoti negli Stati Uniti centrali negli ultimi anni è “quasi certamente” causata dall’uomo, e può essere collegata allo smaltimento delle acque reflue.

Per tre decenni, fino al 2000, gli eventi sismici nella parte centrale degli USA erano in media 21 all’anno. Sono saliti a 50 nel 2009, 87 nel 2010 e 134 nel 2011.


Con la tecnica del fracking, acqua, sabbia e sostanze chimiche vengono iniettate in profonde formazioni di rocce scistose per frantumare le rocce e far così fuoriuscire il gas intrappolato al loro interno. Molta di quell’acqua ritorna in superficie per lo smaltimento. Le acque reflue vengono prodotte anche da pozzi di petrolio convenzionali per aumentare la produzione.

Secondo lo studio, per 17 anni prima del terremoto del 2011 sono stati pompati in pozzi abbandonati dell’Oklahoma dei fliudi provenienti dall’estrazione convenzionale di petrolio. Nel 2006, nelle zone sotterranee di stoccaggio la pressione si è intensificata rapidamente, quando hanno iniziato a riempirsi.

Il servizio geologico dell’Oklahoma insiste che “l’interpretazione che si addice meglio ai dati” è che i terremoti del 2011 sono stati eventi naturali.