REVISIONE NORME TECNICHE COSTRUZIONI, NTC 2008: IL DOCUMENTO FINALE

Il Gruppo di lavoro del CNI per la revisione delle NTC 2008, formato dagli esperti segnalati dagli Ordini e dal CNI, dopo un lavoro di alcuni mesi, ha terminato il proprio lavoro e ha elaborato un documento contenente tutte le puntualizzazioni e le proposte di modifica delle normativa attualmente in vigore (D.M. 14 gennaio 2008).

La documentazione pubblicata dal CNI contiene i seguenti elaborati: Capitolo 11 – Materiali Osservazioni capitolo 4.2 4.3 – acciaio e miste Osservazioni capitolo 4 Osservazioni capitolo 8 Osservazioni sulle azioni Osservazioni sulla Geotecnica Progettazioni per azioni sismiche Redazione dei progetti, adempimenti tecnico-amministrativi, opere provvisorie e collaudo. Vengono proposti in questo articolo i punti più interessanti della documentazione del CNI, contenenti proposte o chiarimenti.

Punto 7.2.1: viene proposta l’introduzione di tre classi di duttilità, come già previsto dall’Euro Codice 8, includendo anche le strutture a duttilità molto bassa, progettate con le regole base, senza il rispetto delle regole di progettazione sismica (dettagli costruttivi e gerarchia delle resistenze). Viene suggerita, inoltre, la possibilità di progettazione con modesto impiego di duttilità e dissipazione in zone a bassa sismicità (ag/g<0.15 per Tr=475). In questi casi andrebbe utilizzato un fattore di struttura q=1,5 per tutti i materiali (calcestruzzo, acciaio, miste, legno, muratura), senza rispettare i dettagli costruttivi e le regole di gerarchia delle resistenze.

Punto 7.2.3: vengono richiesti chiarimenti in merito ai Criteri di progettazione di elementi strutturali “secondari” ed elementi non strutturali. Punto 7.2.5: viene richiesta la riduzione dell’armatura minima per gli elementi di fondazione, quando il rapporto tra base e altezza della fondazione superi il valore di 4.

Punto 7.2.6: viene suggerita la possibilità di considerare gli orizzontamenti infinitamente rigidi nel loro piano, a condizione che siano realizzati in cemento armato, oppure in latero-cemento, con soletta in c.a. di almeno 50 mm di spessore (al posto dei 40 mm attualmente previsti). Punto 7.2.6: al fine di ridurre il numero di combinazioni di carico, si propone per la valutazione degli effetti dovuti all’eccentricità accidentale, la possibilità di amplificare le sollecitazioni sismiche con un coefficiente pari a 1,20. Ovviamente, se ritenuto poco cautelativo, tale fattore potrà essere aumentato.

Punto 7.3.1: nella valutazione degli effetti del II ordine, il termine P della formula [7.3.2] deve essere inteso come il carico verticale totale dovuto all’orizzontamento in esame e alla struttura ad esso sovrastante (in luogo dell’attuale carico verticale dovuto alla struttura sovrastante all’orizzontamento in esame). Punto 7.3.5: sarebbe auspicabile che venisse adottata anche la SRSS in direzione x, y e z, come già prevede EC8, per la combinazione delle diverse componenti del moto sismico. Punto 7.4.3: vengono richieste indicazioni sui criteri progettuali e sulle modalità di applicazione della gerarchia delle resistenze per gli edifici con impalcati a spessore realizzati con soletta piena.

Punto 7.4.4: vengono richiesti chiarimenti sulla verifica di duttilità di curvatura ed è proposta l’eliminazione dell’amplificazione del valore di verifica del 50%, in analogia a quanto già prevede l’EC8. Punti 7.4.4.1.1, 7.4.4.2.1, 7.4.4.5.1: viene proposto di considerare che il contributo massimo del taglio da utilizzare nelle verifiche di gerarchia delle resistenze (7.4.4.1.1 per le travi, 7.4.4.2.1 per i pilastri, 7.4.4.5.1 per le pareti) deve essere assunto non maggiore del valore derivante dall’analisi condotta con fattore di struttura q=1.5. Lo stesso dicasi per il valore massimo del momento flettente dei pilastri da assumere nella formula [7.4.4].

Punto 8.4.1: viene puntualizzata la definizione di sopraelevazione ed ampliamento.

DOCUMENTI IN PDF
Scarica questo file (0. Circolare.pdf)0 – Circolare (62 Kb)
Scarica questo file (1. Capitolo 11 - Materiali.pdf)1 – Capitolo 11 – Materiali (1838 Kb)
Scarica questo file (2. Osservazioni capitolo 42 43 acciaio e miste.pdf)2 – Osservazioni capitolo 42 43 acciaio e miste (1353 Kb)
Scarica questo file (3. Osservazioni capitolo 4.pdf)3 – Osservazioni capitolo 4 (793 Kb)
Scarica questo file (4. Osservazioni capitolo 8.pdf)4 – Osservazioni capitolo 8 (431 Kb)
Scarica questo file (5. Osservazioni sulle azioni Azioni.pdf)5 – Osservazioni sulle azioni Azioni (489 Kb)
Scarica questo file (6. Osservazioni sulla Geotecnica.pdf)6 – Osservazioni sulla Geotecnica (378 Kb)
Scarica questo file (7. Progettazioni per azioni sismiche.pdf)7 – Progettazioni per azioni sismiche (1759 Kb)
Scarica questo file (8. Redazione dei progetti, adempimenti tecnico-amministrativi, opere provvisorie)8 – Redazione dei progetti, adempimenti tecnico-amministrativi, opere provv. (147 Kb)

Articolo correlato:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI, NTC 2008 (D.M. 14 Gennaio 2008)

COMMENTI