TERREMOTO: TORNA «IO NON RISCHIO» IN 220 PIAZZE ITALIANE

CONDIVIDI

terremoto_io_non_rischioConto alla rovescia per la quarta edizione di “Io non rischio”, campagna informativa sulla prevenzione del rischio sismico, che sabato 14 e domenica 15 giugno coinvolgerà oltre duecento piazze italiane, attraverso una rete di punti informativi. A sensibilizzare i cittadini, 3500 volontari appartenenti a 21 organizzazioni nazionali, gruppi comunali e locali di protezione civile.

In contemporanea con altre piazze in tutta Italia, i volontari del comitato Anpas Abruzzo parteciperanno alla campagna con un punto informativo “Io non rischio” allestito in 18 comuni sul territorio regionale per incontrare la cittadinanza, distribuire materiale informativo sul terremoto e rispondere alle domande sulle possibili misure per ridurre il rischio.

I volontari ANPAS saranno presenti nelle seguenti piazze abruzzesi:

Altino (CH) – Contrada Selva di Altino
Avezzano (AQ) – Piazza Risorgimento
Città Sant’Angelo (PE) – Largo Trieste, 1
Civitella Roveto (AQ) – Piazza Gran Sasso
Isola del Gran Sasso (TE) – Piazza Contea di Pagliara
L’Aquila (AQ) – Piazza Duomo
Magliano De’ Marsi (AQ) – Piazza della Repubblica
Martinsicuro (TE) – Piazza Cavour
Morro D’Oro (TE) – Largo Aureliano
Pineto (TE) – Piazza del Comune, via G. D’annunzio
Teramo (TE) – Piazza Martiri della Libertà

Protagonisti della campagna, come è caratteristico delle iniziative “Io non rischio”, sono i volontari e le volontarie, che avranno il compito di diffondere nei territori dove operano ordinariamente la cultura della prevenzione del rischio, aspetto prioritario nell’ambito dell’azione di protezione civile sul territorio.

La manifestazione, nata nel 2011, è promossa dal Dipartimento della protezione civile (Dpc), in collaborazione con l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), l’Associazione nazionale pubbliche assistenze (Anpas) e la Rete dei laboratori universitari di ingegneria sismica (Reluis).

“Non è una campagna informativa istituzionale”, afferma Romano Camassi, ricercatore  dell’Ingv di Bologna. “Saranno direttamente i volontari, appositamente formati, a interagire con i propri concittadini, a fornire semplici informazioni sul rischio terremoto e su quanto è possibile fare, fin da subito, per ridurre il rischio”.

In alcuni comuni costieri di Campania, Calabria e Sicilia si parlerà anche del rischio maremoto, come già sperimentato in occasione dell’esercitazione europea dell’Ottobre 2013 TWIST (Tidal Wave In Southern Thyrrenian Sea), con il coinvolgimento dell’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e l’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale (Ogs).

L’elenco dei comuni interessati dalla campagna è online sul sito ufficiale, www.iononrischio.it, dove è inoltre possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto. L’iniziativaha ricevuto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

Link alla pagina promo video-audio:

http://www.iononrischio.it/area-download/

Link alle mappe interattive:

http://www.iononrischio.it/terremoto-io-non-rischio/mappe-interattive/