Sisma dell’Aquila – report su donazioni e destinazioni d’uso

CONDIVIDI

A sei mesi dal terremoto ammonta ad oltre 75 milioni di euro l’importo complessivo delle donazioni in denaro, una cifra che si compone di quelle dirette alla Protezione Civile con oltre 52 milioni di euro (erano 40 milioni al 24 luglio) e di quelle versate agli Enti Locali  (oltre 23 milioni di euro).

Di quelle dirette alla Protezione Civile, sono oltre 45 milioni di euro le somme versate tramite i gestori di telefonia fissa e mobile.

Elenco delle donazioni al 30 settembre
Prospetto donatori_al 5_ottobre


Le destinazioni scelte per i fondi

22 milioni di euro: per  la realizzazione di abitazioni e di altre strutture per le comunita’ colpite dal terremoto e residenti in comuni diversi da quello dell’Aquila

40,5 milioni di euro: destinati al piano C.A.S.E.

11 milioni di euro convoglieranno in iniziative di sostegno e recupero del tessuto economico e sociale e del sistema scolastico e universitario dell’Abruzzo.

Oltre al villaggio  di Onna, altre casette in legno prefabbricate sono state realizzate o si stanno realizzando a Coppito, Fossa, Ocre, San Demetrio ‘ne Vestini e Villa Sant’Angelo grazie al contributo di enti, associazioni, imprese o fondazioni.

Il Comitato di Garanti (Decreto di nomina del comitato)
Per gestire i fondi raccolti in favore del terremoto si e’ costituito un Comitato di Garanti. nominato con un decreto firmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri lo scorso 28 maggio.

Il comitato avra’ il compito di vigilare affinche’ le donazioni siano realmente utilizzate per lo scopo prefissato e assicurare che siano spese in maniera trasparente e proficua.

I fondi raccolti non saranno utilizzati per ridurre l’impegno dello Stato, ma si aggiungeranno agli stanziamenti gia’ stabiliti.

Tags: