SPESE PER PROTEZIONE CIVILE, L’AQUILA MAGLIA NERA CON 10 CENT PRO CAPITE

CONDIVIDI

openbilanci_protezionecivile2Nonostante sia stata colpita solo 5 anni fa da un terremoto distruttivo, L’Aquila non sembra averne tratto insegnamenti. Almeno per quanto riguarda le spese (o sarebbe meglio dire “gli investimenti”) per protezione civile.

OpenBilanci, il sito che raccoglie i bilanci di tutti i Comuni italiani, ha pubblicato la classifica delle spese per funzioni; nella sezione delle spese per protezione civile colpisce l’incredibile 0,10 € pro-capite del comune dell’Aquila. Solo 10 centesimi di spesa per cittadino.

Facendo un confronto con gli altri capoluoghi d’Abruzzo vediamo Teramo con 1,85 € di spesa, Chieti 1,32 € e Pescara 0,81 €.

Tra i comuni abruzzesi con più di 1000 abitanti spiccano Lucoli, San Demetrio, Cagnano Amiterno, Montereale, Barisciano, Tornimparte, Pizzoli, Ocre, Scoppito e Poggio Picenze. Tutti con spese tra i 1700 ed i 600 euro pro capite.

Dando uno sguardo alle città italiane tra i 50mila e i 200mila abitanti, troviamo L’Aquila addirittura al 114° posto, mentre considerando tutti i 7748 comuni di cui sono stati raccolti i dati, L’Aquila è alla posizione 4810.

Alcune classifiche di spesa per protezione civile:

I dati completi (e tutti i bilanci dei comuni) sono consultabili sul sito OpenBilanci.it.