L’Università, 15 mesi dopo

CONDIVIDI

L’Universita’ degli Studi dell’Aquila comprende 9 Facolta’.
Il 6 aprile le sedi di alcune di queste hanno subito danni ingenti: la Facolta’ di Lettere e Filosofia e quella di Scienze della Formazione assieme alla “governance” di Ateneo, si trovavano nel centro storico. La Facolta’ di Ingegneria, posta nel polo Roio (una collina a ridosso della citta’) e’ stata resa inagibile dal sisma. Le altre Facolta’ se la sono cavata con danni meno ingenti.
Dopo 7 mesi esatti dal sisma, l’attivita’ didattica e’ ripartita, per tutte e nove le Facolta’, in citta’. Naturalmente in sedi nuove.
La “governance” si trova in una struttura all’entrata ovest della citta’ che ospitava una scuola superiore di telecomunicazioni detta “Reiss-Romoli”. Non distante da questa, la Facolta’ di Ingegneria, assieme a Scienze Motorie, ha occupato uno stabile completamente ristrutturato a tempo record, dove la didattica si svolge regolarmente per tutti i corsi di Laurea.
La Facolta’ di Lettere e Filosofia si e’ trasferita all’interno del Polo Industriale di Bazzano, una sede disagiata che però nel 2011 verra’ sostituita con strutture più idonee all’interno dell’Ospedale San Salvatore. In questa stessa area gravitano, nelle sedi ristrutturate, le Facolta’ di Medicina e Chirurgia, Biotecnologie, Scienze mm.ff.nn., Psicologia, mentre Scienze della Formazione svolge la sua attivita’ didattica, assieme ad una parte dei corsi di Psicologia, nel cosiddetto Polo Di Vincenzo, non molto distante dall’Ospedale San Salvatore.
Insomma l’Universita’ c’e’. Ci sono i suoi dipendenti (circa 1200) ci sono i suoi studenti: inaspettatamente 23.000 iscritti ad oggi.
Cosa c’e’ quindi che non va? Tutto il resto.

Gli studenti hanno pagato e pagano un prezzo davvero altissimo. Non tanto in termini economici, quanto riguardo i normali diritti che dovrebbero per loro essere rispettati.
Primo tra tutti: l’alloggio. Per gli studenti (i fuori sede sono più di 10000) non e’ stata prevista nessuna soluzione emergenziale, a parte il trasporto gratuito da alcuni comuni e altre province.
Per questo motivo gli studenti universitari dell’Aquila sono stati e sono pendolari. Il danno arrecato a loro e’ enorme. Specialmente se si pensa che molti di loro hanno viaggiato giornalmente anche per 4 ore, con pesanti ripercussioni sull’organizzazione dello studio e, quindi, sul successo negli esami.
Lo stato delle residenze pubbliche e’ il seguente:
300 posti circa nella sede “Reiss Romoli” che l’Universita’ ha messo a disposizione dell’azienda regionale per il diritto allo studio
120 posti messi a disposizione dalla nuova residenza San Carlo Borromeo, costruita con fondi pubblici (Regione Lombardia) e gestita dalla Curia. Nessun alloggio ricostruito dalla regione Abruzzo.
Di promesse molte. A cominciare da 400 posti in una caserma, ristrutturata dalla Protezione Civile e che dovevano arrivare a febbraio, ma dato l’enorme numero di sfollati, non e’ ancora totalmente disponibile.
Poi ci sono i servizi, per esempio le mense: attualmente i nostri studenti mangiano in strutture provvisorie, tendoni per intenderci, freddissimi d’inverno e caldissimi d’estate. I pasti vengono forniti con servizio di catering. Una delle mense che si trova nell’area di Coppito (Ospedale San Salvatore) e di proprieta’ dell’Azienda per il Diritto allo Studio, pur se relativamente nuova, ha subito danni ingenti, ma non si hanno notizie di progetti di ricostruzione né di altre soluzioni. Nell’area che ospita le Facolta’ di Ingegneria e Scienze Motorie non si riesce a trovare una soluzione alternativa al tendone.
Le sale studio non esistono, neanche quelle ricreative; anche queste sarebbero a carico della Regione attraverso l’Azienda per il diritto allo studio. Capita spesso di vedere studenti pranzare con un panino all’interno delle aule didattiche.
Sappiamo che alcuni studenti hanno trovato alloggio a L’Aquila e nei paesi limitrofi, ma non sempre i servizi di trasporto sono efficienti né tanto meno il prezzo richiesto per l’affitto, consono.

Sono eroi questi nostri studenti. Molti non potendo risiedere in citta’ hanno usufruito di un servizio foresteria fornito dai volontari della Protezione Civile dell’Universita’ ed hanno dormito in tenda fino a Febbraio per alcune notti la settimana ed ora nei container.

La citta’ deve molto a questi studenti per questo chiedo a tutti di sostenerli in ogni modo e di fare proprie le loro legittime richieste.

Chiedo a Regione, Comune di prodigarsi per tamponare anche con strutture provvisorie tale emergenza.
Ai proprietari di alloggi si chiede di affittare a prezzi equi, di non approfittare di questa situazione disastrosa:

UNITI, per la citta’.