A PresaDiretta, domenica si parla anche dell’Aquila

CONDIVIDI

Domenica 10 ottobre 2010, ore 21.30.

In questa puntata va in onda anche un aggiornamento a un anno e mezzo dal terremoto in Abruzzo: ancora non e’ chiaro se ci siano i fondi per la ricostruzione, mentre gli albergatori della costa che hanno ospitato i senza tetto e le imprese che hanno iniziato a restaurare le case meno danneggiate stanno ancora aspettando i pagamenti.
Un racconto di Alessandro Macina e Elena Stramentinoli.

Il resto della puntata: A 150 anni dall’Unita’ d’Italia, siamo ancora un popolo?
Per rispondere a questa domanda PresaDiretta ha scelto di compiere un viaggio sulle tracce dei Mille, da Bergamo (la citta’ che ha fornito più uomini alla spedizione) fino a Caprera (l’isola dove Garibaldi e’ morto), passando per Roma, Venezia, Napoli e Palermo.
Il viaggio intreccia i sentimenti identitari degli italiani con le condizioni economiche dei territori. Ne esce il quadro di un paese profondamente diviso, tra Nord e Sud, dove le rievocazioni risorgimentali diventano l’occasione per antiche e nuove rivendicazioni economiche.
Si va dalla Festa della Repubblica, disertata dai ministri leghisti, fino al concepimento di una sorta di Lega del Sud: il Partito del popolo siciliano. Dalla partita di calcio Padania contro Due Sicilie, fino alle rivendicazioni neo borboniche dei movimenti napoletani, dalla crisi dell’industria al Nord che lascia gli operai senza lavoro, alla situazione tragica delle Asl campane, dove o si pagano gli stipendi o si pagano i fornitori.

FRATELLI D’ITALIA e’ un racconto di Alessandro Sortino.