Ospedale San Salvatore: 5 rinvii a giudizio per i crolli

CONDIVIDI

La procura della Repubblica dell’Aquila ha inviato al giudice per l’udienza preliminare istanza di richiesta di rinvio a giudizio per i sei indagati per il filone della maxi inchiesta sui crolli relativa all’ospedale regionale San Salvatore del capoluogo, una delle indagini più complesse di quelle intraprese dal procuratore Alfredo Rossini e dalla sua squadra. Il reato ipotizzato e’ di concorso in disastro colposo.

Si tratta di tecnici, progettisti e collaudatori dell’opera, la cui realizzazione e’ cominciata negli anni Settanta ed e’ costata circa 100 milioni di euro. Le cinque persone per cui i pm chiedono il processo sono Marcello Vittorini, ingegnere progettista e direttore dei lavori dell’opera negli anni Settanta; Gaspare Squadrilli, ingegnere strutturista e redattore dei calcoli negli anni Settanta e direttore dei lavori della struttura; Michele Tundo, geometra e direttore del cantiere della struttura dal 1972 al 1974; Domenico Ciccocioppo, geometra e direttore del cantiere negli anni 1973-1979; Giorgio Innamorati, presidente della commissione di collaudo nominata il 29 novembre 1979; Luciano Rocco, componente della stessa commissione di collaudo.

Il terremoto del 6 aprile 2009 ha provocato il crollo di parti della struttura, provocando disagi e polemiche, con la conseguenza che molti dei feriti sono stati addirittura curati e medicati all’aperto, a pochi passi dalle strutture pericolanti.