Familiari vittime sisma: “Il processo breve uccide di nuovo i morti aquilani”

CONDIVIDI

Lettera aperta ai parlamentari di maggioranza da parte di Comitato Familiari Vittime Casa dello Studente, l’Associazione Vittime Universitarie Sisma ed i Familiari Vittime del Convitto Nazionale.

Il processo breve – dicono – uccide di nuovo i morti aquilani. Il giorno in cui passera’ la legge sara’ un lutto cittadino, per noi aquilani e per tutti quei genitori che da tutta Italia avevano mandato i lori figli a studiare all’Aquila e non a morirvi”. “Quelle vite – si legge tra l’altro nella lettera – ci sono state strappate dalla illegalita’.

E il dolore, il lutto, la devastazione hanno sconvolto per sempre l’esistenza dei sopravvissuti. A ciò oggi va aggiunto il ddl sul processo breve: esso rappresenterebbe una mannaia sui crolli assassini dell’Aquila, un’amnistia generalizzata per gli infortuni mortali avvenuti sul posto di lavoro, per i morti di amianto, di uranio, di frane, di alluvioni, per le vittime di Viareggio martoriate dalle ustioni e per molti reati contabili e societari”.

“Per opporci a questo scempio e rivendicare il diritto alla giustizia per i nostri morti, saremo mercoledì mattina davanti a Montecitorio con i nostri striscioni e le foto dei nostri cari”. “Chiediamo agli aquilani – conclude la lettera di essere con noi”.