Ricostruzione edifici “E”, ecco i risultati dell’indagine conoscitiva

CONDIVIDI

Si è conclusa il 31 luglio l’indagine prevista dall’accordo siglato tra il Commissario delegato per la ricostruzione, Gianni Chiodi, e gli Ordini degli Ingegneri e i Collegi professionali dei Geometri e dei Periti Industriali.

La possibilità di presentare domande di contributo anche oltre il 31 agosto 2011 è infatti subordinata alla verifica, da parte del Commissario delegato, dei tempi stimati per il deposito delle richieste, con il supporto degli Ordini e dei Collegi professionali.

All’indagine hanno aderito 257 professionisti, di cui 145 raggruppati in società, studi associati, o raggruppamenti temporanei e 112 singoli professionisti. Tra questi ultimi vi sono 74 ingegneri (oltre il 66%), 26 geometri (il 23%), e 12 architetti (l’11%). Il 50,89% è iscritto agli Ordini/Collegi della provincia dell’Aquila, il 27,68% a quelli della provincia di Teramo, l’8,04% è ripartito tra le province di Chieti e Pescara ed il restante 13,39% è iscritto a Ordini/Collegi di province fuori dalla Regione Abruzzo.
Il censimento ha riguardato 374 singoli edifici suddivisi in 196 condomini e 178 edifici di unico proprietario, 50 unità immobiliari in condominio, 120 aggregati, 27 porzioni di aggregato e 15 unità immobiliari in aggregato.

Dei 374 edifici, 273 si trovano nel Comune di L’Aquila e 101 nei restanti Comuni del cratere. Dei 147 aggregati e porzioni di aggregato 86 sono localizzati nel Comune di L’Aquila e 61 negli altri Comuni.
Il numero di edifici e di aggregati oggetto dell’indagine rappresenta circa il 14.4% degli edifici e degli aggregati al di fuori dei centri storici, per i quali deve essere ancora presentata la richiesta di contributo. Tale percentuale è stata determinata facendo riferimento ai dati complessivi degli edifici all’esterno del centro storico del Comune di L’Aquila.
Il dato fornisce, per la sua rilevanza quantitativa, pur con qualche riserva sul piano della rappresentatività statistica, uno spaccato significativo della situazione della progettazione degli immobili situati al di fuori dei centri storici nei comuni del cratere.

Ecco cosa emerge dall’esame dei dati.
Per gli edifici singoli:
– al 31 ottobre 2011, i progettisti hanno dichiarato di essere in grado di depositare il 55% dei progetti;
– al 31 dicembre 2011, il deposito dovrebbe interessare un ulteriore 33% dei progetti;
– al 31 gennaio 2013 la consegna dei progetti dovrebbe essere completata.

Per gli aggregati, la stima dei tempi di consegna risulta essere:
– al 31 dicembre 2011, i progettisti prevedono di presentare il 43% dei progetti;
– al 31 dicembre 2012 la previsione di consegna riguarda un ulteriore 32% dei progetti;
– al 30 giugno 2013 è stimata la conclusione del deposito dei progetti.

Scarica il report dei progetti