UDU, A L’AQUILA TRASPORTI INADEGUATI PER UNIVERSITARI

CONDIVIDI

L’Aquila, 18 ottobre – ”Dopo piu’ di due settimane di lezione ci troviamo a denunciare, ancora una volta, i disagi che gli studenti stanno vivendo per recarsi nelle sedi universitarie”. L’ennesima denuncia e’ dell’Unione degli universitari dell’Aquila che ribadisce: ”Le difficolta’ che gli studenti sono costretti ad affrontare quotidianamente riguardano il trasporto urbano, come gia’ precedentemente avevamo previsto e segnalato, anche se non bisognava essere degli esperti per prevedere una situazione del genere”.

”Con cio’ – si legge in una nota dell’Udu – intendiamo corse insufficienti e troppo distanziate tra loro: la bassa frequenza non permette di soddisfare la richiesta della popolazione intera e questo il piu’ delle volte si traduce in autobus sovraffollati. Inoltre capita spesso che gli autobus raggiungano il limite di passeggeri ancor prima di arrivare nei pressi del capolinea, lasciando letteralmente a piedi gli studenti che aspettano alle fermate intermedie”.

Gli universitari ritengono ”assolutamente inconcepibile che uno studente che paga biglietto o abbonamento venga privato del servizio di trasporto urbano” e che ”la strutturazione dei trasporti urbani e’ evidentemente inadeguata e insufficiente per rispondere alle esigenze degli studenti e dell’intera popolazione”.

L’Udu sottolinea che ”gli studenti sono tornati a studiare all’Aquila, quest’anno ancor piu’ dello scorso, e che la pendolarita’ e’ diminuita a favore di una maggiore residenzialita’ studentesca all’interno della citta’ capoluogo”. ”L’Aquila si appresta, quindi – conclude la nota – a tornare una citta’ universitaria ed e’ dunque indispensabile dare una risposta concreta in termini di servizi agli studenti”