BANCA D’ITALIA: L’ECONOMIA DELL’ABRUZZO NEL 2011, IL REPORT COMPLETO

CONDIVIDI

L’Aquila, 14 novembre 2011 – Nel corso del 2011 si sono progressivamente affievoliti i segnali di ripresa dell’economia abruzzese che erano emersi nell’anno precedente. Nell’industria la domanda e la produzione sono rimaste sostanzialmente stazionarie nella prima metà dell’anno.
Gli investimenti continuano a ristagnare. Risultati migliori sono stati conseguiti dalle imprese esportatrici.
Anche per effetto delle recenti turbolenze sui mercati finanziari, le previsioni delle imprese sull’evoluzione futura dell’attività produttiva e degli investimenti sono caratterizzate da forte incertezza. Nel settore delle costruzioni l’attività produttiva ha subito un calo nella prima metà dell’anno in corso; nel terziario hanno ristagnato le attività maggiormente legate alla domanda interna, come il commercio e i trasporti. Nel primo semestre dell’anno il numero degli occupati in Abruzzo è aumentato.

Il tasso di disoccupazione si è ridotto, allineandosi al dato medio nazionale.
Il credito erogato dalle banche alle imprese e alle famiglie è moderatamente cresciuto. I criteri di concessione dei prestiti hanno registrato un irrigidimento, manifestatosi principalmente in un aumento degli spread applicati.
L’incidenza sui prestiti delle nuove posizioni in sofferenza è diminuita rispetto al picco del 2010, anche se rimane elevato l’ammontare delle partite deteriorate.

La ricchezza finanziaria detenuta dalle famiglie presso il sistema bancario è cresciuta in misura modesta, in linea con la dinamica dei redditi. Le famiglie hanno ridotto le consistenze di azioni e di fondi comuni e incrementato gli acquisti di titoli di Stato.
I depositi bancari sono rimasti nel complesso stabili.

Scarica il report completo della Banca d’Italia