METEO: IN ARRIVO IL FREDDO, TEMPERATURE IN PICCHIATA NEL WEEK-END

CONDIVIDI

13 dicembre 2011 – Temperature in picchiata, neve sulle Alpi e una nuova perturbazione in arrivo tra domani e giovedi‘. Sono le previsioni meteorologiche di Edoardo Ferrara, di 3bmeteo.
”L’inverno – spiega – sembra svegliarsi dal torpore dei giorni scorsi e il tempo si fa piu’ dinamico sull’Italia con l’arrivo della prima ondata di freddo vero. Il nuovo peggioramento riguardera’ ancora una volta soprattutto i versanti tirrenici, con rovesci, qualche temporale e forti venti di Ponente.

Le piogge raggiungeranno, seppur deboli, anche il Nord con nuove nevicate sulle Alpi oltre 1000-1400m e accumuli che oltre i 2000 metri potranno superare i 10cm; non e’ tanto ma gia’ qualcosa per le nostre Alpi che quest’anno soffrono la penuria di neve. Piu’ riparati dall’Appennino invece i versanti adriatici e ionici dove non mancheranno spazi soleggiati; qualche rovescio sara’ comunque possibile entro venerdi”’.

Nel weekend poi si avra’ il primo ruggito dell’inverno: ”Sul finire della settimana affluira’ in modo massiccio aria fredda di diretta estrazione polare – continua Ferrara – che una volta valicato l’arco alpino dilaghera’ al Centrosud determinando un crollo termico, qualche rovescio sparso e neve anche a quote medio-basse sull’Appennino. La colonnina di mercurio si abbassera’ anche di oltre 10 gradi  rispetto ai valori attuali! Il tutto verra’ accompagnato da forti venti di Ponente prima, Maestrale poi, con possibili mareggiate sulle coste esposte, specie tirreniche. Veloce passaggio di rovesci e qualche temporale anche al Nord nella giornata di Venerdi’, con ulteriori nevicate sulle Alpi e fiocchi che potranno raggiungere anche il fondovalle sui settori di confine entro Sabato”. Infine, nella giornata di domenica ”attese massime di soli 8-9 gradi  su diverse citta’ del Centro e del Sud, come Firenze, Ancona, Pescara, Roma, Bari, anche inferiori sulle localita’ del Nord. Le minime scenderanno diffusamente sotto lo zero, anche fino a -4/-5*C sulle aree interne del Centronord; gelo intenso sulle Alpi”. (ASCA)