TERREMOTO: SINDACI INFURIATI, PRONTI A RESTITUIRE FASCE A NAPOLITANO

CONDIVIDI

L’Aquila, 22 dicembre 2011 – Il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, e il sindaco di Rocca di Mezzo, Emilio Nusca, per conto del coordinamento dei Comuni del cratere sismico, hanno firmato una lettera inviata al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al Premier Mario Monti, ad autorita’ nazionali e regionali, in cui riferiscono gli esiti dell’assemblea degli amministratori del territorio terremotato tenutasi oggi pomeriggio all’Aquila, sede della Giunta regionale d’Abruzzo.

Assemblea convocata per discutere ”delle catastrofiche conseguenze che comportera’ il documento con il quale il Ministero dell’Economia ha rigettato completamente la proposta di Ordinanza per la gestione dell’emergenza e della ricostruzione post sisma nel 2012, elaborata dal Dipartimento di Protezione civile, anche sulla scorta delle richieste del Commissario Gianni Chiodi”.

”I Sindaci – e’ scritto nella missiva – hanno espresso profonda preoccupazione per il fatto che lo stanziamento dei fondi per l’anno futuro sia limitato a 30 milioni di euro, assolutamente insufficiente tanto per il disbrigo degli affari ordinari, per la perdurante emergenza e per la ricostruzione, quanto per il rinnovo dei rapporti a termine con i lavoratori assunti, o comunque contrattualizzati, con lo scopo proprio di rendere piu’ efficaci le procedure connesse al dopo terremoto. Circostanza, questa – fanno notare i Primi Cittadini – estremamente grave per il Comune capoluogo d’Abruzzo e per le Municipalita’ del cratere in generale, soprattutto quelle piu’ piccole, sprovviste di uffici tecnici con un numero di dipendenti adeguato a smaltire tutte le pratiche concernenti l’emergenza e la ricostruzione”.

”Le amministrazioni in questione, rimanendo cosi’ le cose – lamentano i portavoce del Coordinamento – dovranno inevitabilmente sospendere tutte le attivita’ dall’inizio di gennaio (e cioe’ fra meno di 10 giorni), con delle ricadute gravissime sulla popolazione”. ”L’assemblea dei Sindaci – si riferisce ancora nella lettera – ha sottolineato con stupore e rammarico il tono usato dal Ministero dell’Economia, che, nel documento, ha lasciato quasi trasparire un giudizio di pressappochismo e superficialita’ nell’uso dei fondi da parte degli enti locali interessati. Al contrario, questi, nel corso dell’anno che si sta concludendo, hanno piu’ volte inviato al Commissario delegato e (nel caso del Comune dell’Aquila) anche direttamente al Mef, dei rendiconti dettagliati e dei report precisi sulle attivita’ del personale assunto per la gestione del post sisma e dei carichi di lavoro assegnati a questo scopo”.

”Non e’ certo colpa dei Sindaci se, nel corso del 2011, nulla e’ cambiato e nessun passo avanti e’ stato compiuto per risolvere i problemi del post sisma – si osserva – L’assemblea ha preso atto della scarsa sensibilita’ istituzionale rispetto alla situazione drammatica che tuttora permane e agli enormi problemi che devono quotidianamente affrontare i Sindaci, da tempo abbandonati a loro stessi e costretti da soli a gestire una tragedia, ormai dimenticata”.

La stessa assemblea dei Sindaci chiede che ”nel giro di poche ore, venga adottato un provvedimento governativo, che determini una prima, parziale, ma sufficiente copertura finanziaria per la gestione dell’emergenza”. Se cio’ non dovesse accadere, i Sindaci ”considereranno impossibile continuare a svolgere i compiti loro conferiti dal Decreto Abruzzo, dalle Ordinanze e dai Decreti commissariali che allo stesso hanno fatto seguito”.

”Tale eventuale ostinazione a non concedere quanto richiesto – avvertono gli amministratori del cratere – non potra’ che essere interpretata dai Sindaci interessati come una chiara mancanza di volonta’ a prestare la dovuta collaborazione istituzionale e pertanto agli stessi non restera’ altra strada che rimettere il proprio mandato nelle mani del Presidente della Repubblica il giorno 2 gennaio 2012, contemporaneamente alla chiusura di tutti gli uffici comunali addetti alla gestione dell’emergenza e della ricostruzione”.

”Infatti – aggiungono – se non cambiera’ nulla, dovremo tutti prendere tristemente atto che la gestione del dopo terremoto e’ fallita e che, con essa, e’ fallito l’intero sistema-Paese”. Nel contempo, l’Assemblea chiede ”una riunione operativa immediata all’Aquila, alla presenza anche dei vertici del Mef, per risolvere le criticita’ del capoluogo e dei centri del cratere e perche’ vengano emessi tutti gli atti necessari a superare lo stallo dell’emergenza e della ricostruzione, che tanta sofferenza sta creando alle popolazioni che hanno dovuto subire il terribile sisma del 6 aprile 2009”. (ASCA)