PARCO D’ABRUZZO: ABUSIVISMO, 23 DENUNCE, 320 BUNGALOW DA DEMOLIRE

CONDIVIDI

Pescasseroli (L’Aquila), 29 dicembre 2011 – A chiusura delle indagini ordinate dalla Procura della Repubblica di Sulmona e svolte dalla sezione di polizia giudiziaria del Corpo forestale dello Stato, l’ufficio tecnico del Comune di Pescasseroli ha emesso tre ordinanze di demolizione nei confronti di 23 persone che in 3 diversi campeggi e in un’area camper hanno realizzato abusivamente 320 bungalow in legno e infrastrutture, come alloggi di servizio, bagni e reception, in muratura.

Nel primo campeggio sono stati edificati abusivamente 144 manufatti provvisti di rete idrica, fognante, elettrica e gas, collegati fra loro con 10 strade carrabili e pedonali ed un’area camper collegata al camping stesso tramite un ponticello in acciaio che sovrasta il fiume Sangro. Nel secondo campeggio i manufatti abusivi, sempre serviti da rete idrica, fognante, elettrica e gas, sono 128, collegati da 13 strade carrabili e pendonabili oltre a un ponticello in cemento armato che permette l’attraversamento di un canale di scolo.

Nel terzo caso i manufatti da demolire, allaciati anche questi alla rete idrica, fognante, elettrica e del gas, sono 28, collegati da 3 strade carrabili e pedonali. I manufatti da demolire hanno una superficie che oscilla tra i 25 e i 60 metri quadrati. Le denunce,in base al piano regolatore vigente, sono scaturite per edificazione abusiva in ambiti di interesse agricolo-paesaggistico, silvo-zootecnici e aree verdi di rispetto ai corsi d’acqua.