EMERGENZA NEVE: PROTEZIONE CIVILE, FINO A 50CM NEI PROSSIMI GIORNI

CONDIVIDI

7 febbraio 2012 – Le regioni meridionali continueranno ad essere interessate da tempo perturbato ancora nelle prossime 24-36 ore. Non cede il passo all’alta pressione, infatti, la vasta area depressionaria presente sul Mediterraneo ormai da giorni.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha diffuso un nuovo avviso di avverse condizioni meteorologiche che estende quelli già emessi. Dalle prime ore di domani, mercoledì 8 febbraio, si prevedono precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.

I fenomeni assumeranno carattere nevoso al di sopra dei 200-400 metri sulle regioni meridionali peninsulari ad eccezione della Calabria dove la quota neve è prevista al di sopra dei 500-700 metri. Neve, infine, sulla Sicilia a quote di bassa montagna.
Risalendo lungo la Penisola si segnala il persistere di nevicate fino al livello del mare su Abruzzo e Molise e localmente su Marche, Emilia-Romagna e Piemonte.

Il diffuso maltempo che sta interessando il nostro Paese da diversi giorni concederà una breve pausa nella giornata di giovedì 09 febbraio, ma già dalla serata una veloce perturbazione proveniente dal Nord Europa inizierà ad interessare le regioni settentrionali con prime deboli nevicate che si estenderanno velocemente a tutto il Paese nella giornata di venerdì quando i fenomeni riguarderanno le quote basse del centro.

Il peggioramento per la giornata di venerdi’ determinera’ la ripresa delle nevicate con quantitativi elevati in Abruzzo (30-50 cm in 24 ore). ”La situazione impone la massima allerta – avverte il presidente della Regione, Gianni Chiodi – e la predisposizione da parte dei diversi livelli istituzionali coinvolti di tutte le attivita’ utili alla prevenzione e alla mitigazione del rischio”. Massima attenzione va rivolta altresi’ all’elevato pericolo valanghe, come gia’ annunciato, che ha comportato l’allertamento, da parte della Protezione civile regionale, delle squadre cinofile di volontariato.

Vista la delicatezza della situazione, la Protezione Civile regionale consiglia di organizzarsi preventivamente in modo da rendere agili gli interventi che potrebbero essere necessari al ripristino di una situazione di normalita’, qualora le previsioni dovessero essere confermate.

Fondi: Dipartimento Protezione Civile, Centro funzionale d’Abruzzo