TERREMOTO: COMMISSIONE GRANDI RISCHI, CONDANNA A SEI ANNI PER TUTTI

CONDIVIDI

Sei anni di reclusione per tutti gli imputati. E’ questa la condanna inflitta dal giudice unico Marco Billi ai componenti la Commissione Grandi Rischi, in carica nel 2009, che avrebbero rassicurato gli aquilani circa l’improbabilità di una forte scossa sismica che invece si verifico alle 3.32 del 6 aprile 2009.

Sette gli imputati:Franco Barberi, Bernardo De Bernardinis, Enzo Boschi, Giulio Selvaggi, Gian Michele Calvi, Claudio Eva e Mauro Dolce. L’accusa aveva chiesto una pena di quattro anni per omicidio colposo plurimo, cooperazione in disastro colposo e lesioni gravi.

I sette sono i membri della commissione Grandi Rischi che parteciparono alla riunione del 31 marzo 2009 al termine della quale sarebbero stati mandati messaggi rassicuranti al punto da indurre la popolazione a sottovalutare lo sciame sismico e a non uscire di casa quando ci furono le scosse che precedettero quella catastrofica del 6 aprile 2009.


Il giudice Billi ha inoltre ordinato agli imputati il pagamento di un risarcimento danni alle famiglie dei superstiti per centinaia di migliaia di euro.

Quattro degli imputati hanno assistito in aula alla lettura della sentenza. Assenti Barberi, Boschi e Calvi.