TERREMOTO L’AQUILA: AL VIA PROCEDURE PER RESTAURO CHIESA SAN GREGORIO MAGNO

CONDIVIDI

san_gregorio_magnoL’Aquila, 16 aprile 2013 – Al via le procedure per l’affidamento dei lavori di restauro della Chiesa di San Gregorio Magno nell’omonima frazione de L’Aquila. La Direzione Regionale per i Beni culturali dell’Abruzzo ha infatti pubblicato il bando di gara.

L’importante monumento, danneggiato dal terremoto del 6 aprile 2009, sara’ restaurato grazie alla donazione del governo della Federazione Russa (1.800.000,00 euro), che sostiene anche il restauro del settecentesco Palazzo Ardinghelli a L’Aquila (di cui sta per partire il secondo lotto d’interventi, con un finanziamento di 7.200.000,00 euro). Lo rende noto la stessa Direzione Regionale.

L’accostamento dialettico di due parti chiaramente caratterizzate e riconoscibili – il lacerto architettonico originario da reintegrare e l’aula scomparsa, che viene integralmente ricostruita con tecnologie contemporanee – e’ il fulcro del progetto di restauro di San Gregorio Magno, vincitore di un concorso di idee bandito per il recupero del monumento, che aveva come obiettivo quello di una ricomposizione della chiesa che consentisse “una lettura chiara delle testimonianze antiche, di recuperare un rapporto perfettamente integrato con i rifacimenti e le ricollocazioni, ma tale da evitare gli effetti di musealizzazione degli elementi reinseriti e ricomposti, prevedendo la necessaria coerenza ai fini liturgici”.

“Cosi’, mentre stanno per completarsi i lavori all’Oratorio di San Giuseppe dei Minimi (finanziati dal Governo della Repubblica del Kazakhstan) -si legge nella nota della Direzione Regionale- e sono in fase di conclusione le procedure per l’appalto della Chiesa di Santa Maria del Suffragio (al cui restauro partecipa al 50% il Governo francese), con l’avvio il 4 maggio prossimo del cantiere di San Pietro Apostolo a Onna, alla presenza del ministro per i Beni Culturali Lorenzo Ornaghi e di Peter Ramsauer, ministro dei Trasporti, dell’Edilizia e dello Sviluppo urbanistico della Repubblica Federale di Germania – che sostiene l’intero restauro della Chiesa – e con la pubblicazione del bando di gara per San Gregorio Magno, la Direzione Regionale completa il quadro delle adozioni dei monumenti aquilani da parte degli stati esteri, che hanno prontamente offerto il loro sostegno e la loro collaborazione dopo il terremoto del 2009, insieme a tanti altri donatori che hanno reso possibile importanti interventi su beni mobili e immobili, in corso o gia’ compiuti”. (AdnKronos)