ESERCITAZIONE PER TERREMOTO E TSUNAMI A MESSINA

CONDIVIDI

esercitazione_protezione_civile2Ha preso il via il 6 Maggio la quarta edizione della “Settimana della Sicurezza – esercitazione di Protezione Civile Messina 2013″ che simula un terremoto di magnitudo 6.3 con successiva onda di maremoto che investe la città siciliana. 

Da ieri a sabato 11 maggio si simula un’emergenza che causa la morte di 2.337 persone, il ferimento di altre 7.011, il crollo di 4.258 abitazioni e 31.138 inagibili, con un totale di 69.431 persone sfollate. 

L’esercitazione coinvolgerà tutte le Istituzioni, Enti e Associazioni di Volontariato presenti sul territorio comunale, e punta a determinare e verificare, attraverso l’omogeneizzazione di procedure e linguaggi, l’impiego coordinato delle singole componenti e strutture operative. Lo si legge nel comunicato della protezione civile del comune di Messina. 

Si vuole determinare la validità del modello di intervento, basato sul metodo “Augustus”,attraverso la verifica dell’idoneità funzionale e strutturale delle sedi dei centri operativi C.C.S. – C.O.M. – C.O.C. Insieme a ciò verranno effettuate verifiche alle comunicazioni radio, che devono consentire la messa in rete dei centri operativi attivati sul territorio, a garanzia del fluire delle informazioni per una rapida definizione del danno. Meglio circolano le informazioni più rapidamente è infatti possibile rispondere alle emergenze che si creano. Le reti delle comunicazioni radio, oltre ad assicurare la catena del coordinamento delle risposte operative, dovranno garantire la catena di comando delle singole strutture operative presenti, per un’azione tempestiva assicurata da una direzione unitaria e coordinata.

Il sistema di protezione civile che si attiverà in seguito all’emergenza simulata dovrà individuare delle aree di emergenza, di attesa e ricovero per la popolazione e delle aree di ammassamento per i soccorritori. Verranno testati i Piani intraospedalieri, la funzionalità dei Punti Medici Avanzati (PMA), l’assistenza socio sanitaria alla popolazione, i piani di evacuazione di strutture pubbliche e private, il coordinamento dei centri operativi e la risposta del volontariato in generale.
Alla fine della Settimana della Sicurezza verrà poi effettuata una indagine psico-sociale sulla popolazione coinvolta a cura del Dipartimento di Salute Mentale Psicologia Clinica DSM del Policlinico Universitario.

Il fine ultimo è sostanzialmente verificare l’efficacia di risposta delle Componenti e delle Strutture operative di Protezione Civile.


Qui è consultabile il programma giorno per giorno dell’esercitazione “Messina 2013” e le specifiche generali.

fonte: ilgiornaledellaprotezionecivile.it