ETNA: LE FOTO PIU’ BELLE DEL NUOVO PATRIMONIO DELL’UMANITA’

CONDIVIDI

10 giugno 2013 – La lista del patrimonio mondiale include 936 siti che formano parte del patrimonio culturale e naturale.

La Commissione per il Patrimonio Mondiale attribuisce a questi siti un valore universale. L’UNESCO ha finora riconosciuto un totale di 936 siti (725 beni culturali, 183 naturali e 28 misti) presenti in 153 paesi del mondo.

Attualmente l’Italia è la nazione che detiene il primato del maggior numero di siti – ben 47 – inclusi nella lista dei patrimoni dell’umanità. Da giugno il vulcano diventa la quarta meraviglia naturale italiana tra i siti dell’UNESCO. Ecco ‘a muntagna, come i siciliani chiamano l’Etna, vista da Carsten Peter, un grande fotografo National Geographic.

La lava fuoriesce da un cono di recente formazione durante un'eruzione del 2002. Si suppone che il nome Etna, anticamente, significasse “fornace”, e dalla foto non è difficile capire perché.

La lava fuoriesce da un cono di recente formazione durante un’eruzione del 2002. Si suppone che il nome Etna, anticamente, significasse “fornace”, e dalla foto non è difficile capire perché.

Un fotografo scatta durante un'esplosione di magma sull'Etna. Nel 1928 il vicino centro abitato di Mascali fu cancellato dal flusso di lava rovente.

Un fotografo scatta durante un’esplosione di magma sull’Etna. Nel 1928 il vicino centro abitato di Mascali fu cancellato dal flusso di lava rovente.

Sembrano fuochi d'artificio le esplosioni di lava fusa sull'Etna. L'eruzione del 2002, tra le più spettacolari del secolo, ha generato una colonna di cenere visibile anche dalla Libia.

Sembrano fuochi d’artificio le esplosioni di lava fusa sull’Etna. L’eruzione del 2002, tra le più spettacolari del secolo, ha generato una colonna di cenere visibile anche dalla Libia.

Un nuovo cono eruttivo dà modo ai vulcanologi di osservare la nuova attività. Oltre 1.200 metri quadrati della superficie dell'Etna sono ricoperti di lava solida e le nuove eruzioni modificano l'altezza della montagna.

Un nuovo cono eruttivo dà modo ai vulcanologi di osservare la nuova attività. Oltre 1.200 metri quadrati della superficie dell’Etna sono ricoperti di lava solida e le nuove eruzioni modificano l’altezza della montagna.

La lava fuoriesce da un nuovo cono vulcanico dell'Etna, il vulcano in costante attività più antico che si conosca. La vetta dell'Etna è alta 3.350 metri.

La lava fuoriesce da un nuovo cono vulcanico dell’Etna, il vulcano in costante attività più antico che si conosca. La vetta dell’Etna è alta 3.350 metri.

Affacciato sulla città illuminata di Catania, l'Etna spara una fontana di fuoco verso il cielo, mentre rivoli di lava scendono lungo i suoi fianchi. Si tratta di un vulcano relativamente sicuro, con eruzioni rare e compatte, e la lava scende lentamente, dando il tempo alle persone di fuggire

Affacciato sulla città illuminata di Catania, l’Etna spara una fontana di fuoco verso il cielo, mentre rivoli di lava scendono lungo i suoi fianchi. Si tratta di un vulcano relativamente sicuro, con eruzioni rare e compatte, e la lava scende lentamente, dando il tempo alle persone di fuggire

Poche centinaia di gradi separano questa massa di magma color rosso acceso dalla crosta grigia sottostante. L'Etna è il vulcano attivo più alto in Europa.

Poche centinaia di gradi separano questa massa di magma color rosso acceso dalla crosta grigia sottostante. L’Etna è il vulcano attivo più alto in Europa.

Un ricercatore scientifico osserva un'eruzione dell'Etna, tra i vulcani più attivi al mondo.

Un ricercatore scientifico osserva un’eruzione dell’Etna, tra i vulcani più attivi al mondo.

Lava ribollente sull'Etna nel 2002. Dopo quella data, una serie di violente eruzioni ha portato il governo italiano a dichiarare lo stato di emergenza nella zona.

Lava ribollente sull’Etna nel 2002. Dopo quella data, una serie di violente eruzioni ha portato il governo italiano a dichiarare lo stato di emergenza nella zona.

Protetto da una tuta termica, un vulcanologo raccoglie campioni di lava “fresca” sull'Etna.

Protetto da una tuta termica, un vulcanologo raccoglie campioni di lava “fresca” sull’Etna.