LAVORO: 59 PER CENTO STUDENTI PRONTI A LASCIARE L’ITALIA

CONDIVIDI

offerte-lavoro13 giugno 2013 – Il 59 per cento dei giovani studenti italiani e’ pronto a espatriare perche’ non vede nel futuro prospettive occupazionali in Italia.

Lo ha affermato il delegato nazionale della Coldiretti Vittorio Sangiorgio sulla base di una indagine Coldiretti/Swg, da cui emerge che la volonta’ di lasciare l’Italia riguarda anche i giovani disoccupati (53 per cento) e coloro che hanno gia’ un lavoro (47 per cento) del quale evidentemente non sono soddisfatti.

Intervenendo all’undicesima giornata dell’economia, a latere della 137esima assemblea dei Presidenti delle Camere di commercio, Sangiorgio ha sottolineato che “si e’ rotto quel legame che ha unito intere generazioni di italiani al proprio territorio anche perche’ il 73 per cento dei giovani ritiene che l’Italia non possa offrire un futuro contro il 20 per cento che ha invece una visione positiva”.

“Un Paese come l’Italia che deve affrontare la crisi non puo’ correre il rischio di perdere a energie e risorse fondamentali per la crescita a causa dell’emigrazione e della disoccupazione, come confermano – ha sostenuto il delegato dei giovani della Coldiretti – i dati elaborati da Unioncamere sull’impatto positivo sull’economia nazionale da parte dei 3,8 milioni di occupati che producono il 17,2 per cento del Pil.

In un Paese vecchio come l’Italia dove la classe dirigente ha una eta’ media di 58 anni, la prospettiva di abbandono del Paese evocata dalla maggioranza dei giovani italiani e’ una vera priorita’ alla quale le istituzioni devono dare una risposta”, ha concluso Sangiorgio nel sottolineare che “l’analisi dimostra che, se inseriti in un contesto che offre spazio alla realizzazione personale, i giovani dimostrano di credere di piu’ all’Italia come indica il fatto che i risultati si invertono tra i giovani agricoltori che per la maggioranza relativa (45 per cento) pensa che l’Italia possa offrire un futuro”