L’AQUILA: DOMENICA SARÀ POSSIBILE VISITARE IL MAMMUTH AL CASTELLO

CONDIVIDI

mammuth-laquilaSi svolgerà anche a L’Aquila la prima Giornata nazionale delle famiglie al museo – F@mu in programma domenica prossima, 13 ottobre: un giorno in cui poter godere dei musei di tutta Italia in modo speciale, giocando e imparando con tutta la famiglia, gli amici e chiunque vorrà partecipare.

È proprio questo l’intento dell’apertura al pubblico, per la prima volta dopo il sisma del 2009, del bastione est del Forte Spagnolo, dove sarà possibile tornare ad ammirare lo scheletro di Mammuthus meridionalis “vestinus”, con il supporto della visita guidata al cantiere di restauro. L’accesso alla sala è previsto dalle 10 alle 17 per gruppi di massimo venti persone, organizzati in loco per garantire un ordinato flusso di visitatori e assicurare l’ingresso a quante più persone possibile.

Nella giornata F@mu la Direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Abruzzo apre, dunque, uno dei luoghi del cuore nell’immaginario collettivo, un reperto di eccezionale importanza, attualmente in fase di restauro grazie alla generosità dei finanzieri di tutta Italia, che in segno di solidarietà con le popolazioni colpite dalla tragedia di quattro anni fa hanno deciso di sostenere il recupero e il riallestimento espositivo dell’eccezionale reperto preistorico.

Il Mammuthus tornerà presto alla fruizione completa del pubblico, arricchito da un corredo scientifico, di immediata e più ampia comprensione grazie all’uso di supporti multimediali.


Rinvenuto nel 1954 in località Madonna della Strada nel comune di Scoppito, a circa 15 chilometri da L’Aquila, lo scheletro del Mammuthus meridionalis “vestinus”, conservato dal 1958 nel bastione Est del Forte Spagnolo, è uno fra gli esemplari più completi rinvenuti in Europa. Databile intorno ad un milione e trecentomila anni fa (Pleistocene inferiore), lo scheletro è in buono stato di fossilizzazione ed appartiene ad un esemplare di maschio adulto alto 4 metri al garrese e lungo 6,50 metri dalla punta della zanna all’estremità della coda, del peso di oltre 10 tonnellate (la sola zanna destra originaria ha il peso di 100 chili).