ADUNATA ALPINI 2015: ECCO L’ INNO, PENNE NERE PER L’AQUILA

CONDIVIDI

adunata_alpini_2015L’Aquila, 15 maggio 2015 – La musica è il simbolo dell’unione, della fratellanza, della solidarietà. Riecheggia nella storia il canto tipico degli alpini in guerra cime in tempo di pace.

L’omaggio più prezioso che si potesse esprimere è l’inno “Penne nere per L’Aquila”. All’ombra del Gran Sasso tornerà a riecheggiare un Canto dedicato al Corpo che ha segnato il passo della storia e che torna all’Aquila per ridonarle fulgore, dopo “quel triste Aprile” in cui gli alpini, ancora una volta in prima linea, hanno teso la mano alla città ferita.

L’Inno dell’88^ Adunata Nazionale Alpini, musica di Roberto Molinelli su testo di Francesco Sanvitale, è eseguito dai Cameristi dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese. E’ compreso in un CD che contiene anche l’Inno di Mameli con arrangiamento per violino ed archi, Signore delle Cime e Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi.

ASCOLTA L’INNO “PENNE NERE PER L’AQUILA”

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

IL TESTO DELL’INNO

“Penne nere per L’Aquila”

Da tempi ormai sognati
All’ombra del Gran Sasso
Mille e mille ragazzi
Impararono il passo
Che battea la Montagna
E che insegnava l’onor.

Ritornello
Penne Alpine, Penne Alpine

Ridoniamo all’altera città
La forza del coraggio,
La gioa e lo splendor.
Voli, voli L’Aquila
Voli L’Aquila ancora
Dall’antica città!

Ritornello
Penne Alpine, Penne Alpine

E si creò l’Italia
Mentre tra sangue e fango
Noi cantavamo in trincea.
Poi su steppe ghiacciate
Di valore armati
Forti con chi ci tradì.

Ritornello
Penne Alpine….

Ed in quel triste Aprile,
usi sempre a servire
non solamente in guerra,
fummo tra i primi noi
a recare conforto
urlando: alzati con onor!

Ritornello (facoltativo)
Penne Alpine

Oggi rechiamo speranza
Battendo uniti il passo
D’ognun la penna
Vola sull’ali della vita nuova!