TERREMOTO A RIETI E L’AQUILA: ANALOGIE E DIFFERENZE SECONDO GLI ESPERTI

CONDIVIDI

L’orologio di Amatrice e quello della chiesa di Sant’Eusanio (L’Aquila)

25 agosto 2016 – Il terremoto di magnitudo 6 che ha colpito Rieti “è circa 2-3 volte inferiore, in termini di energia liberata, a quello che ha colpito L’Aquila nel 2009, che era di magnitudo compresa tra 6.2 e 6.3”, ha detto all’ANSA il sismologo Alessandro Amato, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

Gli esperti sono cauti nel fare confronti perché bisogna valutare bene tutti i dati ma si può dire che l’altra grande differenza con L’Aquila è che: “in quel caso il terremoto è avvenuto sotto una città di 70.000 abitanti, oggi è avvenuto in una zona un po’ meno abitata”. Una somiglianza invece riguarda il meccanismo alla base dei due eventi: “entrambi i terremoti – ha spiegato l’esperto – sono stati causati dall’estensione dell’Appenino da Est verso Ovest. Il meccanismo è lo stesso anche alla base del terremoto che ha colpito Umbria e Marche nel 1997″. Inoltre, ha aggiunto Amato, sia il terremoto di oggi, sia quello che ha colpito L’Aquila nel 2009 “sono entrambi molto superficiali, avvenuti a circa 7-8 chilometri di profondità”.

“Un terremoto di magnitudo 6.0 si porta dietro una coda di repliche che saranno sicuramente numerose e tenderanno a diminuire di magnitudo però non si può escludere che ci possano essere scosse paragonabili a quella principale”. E’ quanto afferma Andrea Tertulliani, sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, commentando il sisma che ha colpito il centro Italia alle prime ore del mattino. “Ogni sequenza ha un suo comportamento particolare – aggiunge – però non possiamo escludere che finisca qui oppure che continui in altro modo. Dobbiamo solo monitorare l’andamento e i dati”.

Secondo il sismologo dell’Ingv le analogie con il sisma dell’Aquila nel 2009 riguardano la zona in cui è avvenuto che “è abbastanza vicina all’Aquila anche se in questo caso la magnitudo è più contenuta e, dal punto di vista sismo-tettonico. La fascia appenninica che va dall’Umbria, Marche meridionali e Abruzzo è sede di una sismicità frequente e spesso molto forte“.

“Si tratta certamente di un sisma di magnitudo importante che ha colpito una zona molto estesa dell’Italia appenninica centrale, ricca di centri storici e di località minori“, afferma Paolo Messina, direttore dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria (Igag) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr).

“Non dobbiamo stabilire – ha aggiunto – un nesso diretto con le scosse avvertite in Sicilia. È purtroppo possibile che si verifichino altre scosse, speriamo di magnitudo inferiore. In questa situazione l’unica cosa da fare è seguire le indicazioni di protezione civile e sindaci“.