TERREMOTO L’AQUILA: SCOPERTI ALTRI IMPRENDITORI ‘FURBETTI’, CARTE FALSE PER TRUFFA DA 145MILA EURO

guardia-finanza-117

L’Aquila, 23 settembre 2016 – Carte false da imprenditori “furbetti” per truffare allo Stato 145 mila euro di lavori di ricostruzione post-terremoto mai svolti.

Per questo motivo, dopo le indagini svolte dalla Guardia di finanza, la procura della Repubblica del capoluogo ha iscritto nel registro degli indagati l’amministratore legale e l’amministratore di fatto di un’impresa edile, sequestrando il valore della somma oggetto di truffa.

Si tratta dell’ennesimo episodio della maxi inchiesta della procura della Repubblica dell’Aquila sui “furbetti” della ricostruzione, sospettati di aver fatto carte false per accaparrarsi contributi per il recupero degli immobili danneggiati dal terremoto, quindi per l’accusa arricchendosi sulla tragedia. Secondo fonti investigative i casi individuati sono una cinquantina e a tale proposito tremano sia i proprietari di immobili beneficiari dei contributi sia i tecnici che hanno istruito le pratiche.

COMMENTI