TERREMOTO CENTRO ITALIA: VERIFICHE AGIBILITA’ EDIFICI SCOLASTICI, I DATI PER REGIONE

CONDIVIDI

scuola_sicura

17 novembre 2016 Proseguono le verifiche di agibilità sugli edifici scolastici, effettuate, a seguito della scossa di magnitudo 6.5 del 30 ottobre, nelle quattro regioni del Centro  Italia già interessate dagli eventi sismici del 24 agosto.

Secondo i dati forniti dalle Regioni alla Di.coma.c., le squadre di tecnici abilitati Aedes (Agibilità e danno nell’emergenza sismica) hanno effettuato complessivamente 990 sopralluoghi su istituiti scolastici di ogni ordine e grado. Si ricorda che ogni scuola può essere composta da più edifici: per questo motivo i dati forniti sono riferiti a questi ultimi e non alle scuole complessivamente.

Sono 652 gli edifici risultati agibili e 8 quelli che, pur non essendo danneggiati, risultano inagibili per rischio esterno.
Sono invece 62 gli esiti di inagibilità, mentre 257 sono quelli temporaneamente o parzialmente inagibili. Nove edifici sono, infine, da rivedere e due sono le verifiche al momento senza esito.

Più in dettaglio, nella Regione Lazio sono 177 le verifiche effettuate dalle quali risultano 132 istituti agibili, 35 temporaneamente o parzialmente inagibili, 4 edifici risultano inagibili mentre 4 sono da rivedere e 2 risultano, al momento, senza esito.

Nella Regione Marche sono invece 449 le verifiche effettuate che indicano 277 edifici dichiarati agibili e 4 che, pur non essendo danneggiati, risultano inagibili per rischio esterno. Sono invece 44 gli esiti di inagibilità mentre 123 sono gli immobili temporaneamente o parzialmente inagibili e 1 edificio è da rivedere.

Le verifiche effettuate nella Regione Umbria sono 204, che indicano 136 edifici dichiarati agibili e 4 che, pur non essendo danneggiati, risultano inagibili per rischio esterno. Sono 6, invece, gli esiti di inagibilità mentre 58 sono gli immobili temporaneamente o parzialmente inagibili.

Nella Regione Abruzzo sono 160 le verifiche effettuate: 107 edifici sono stati dichiarati agibili, sono 8 i plessi dichiarati inagibili e 41 sono gli immobili temporaneamente o parzialmente inagibili mentre 4 sono gli edifici da rivedere.