REGALATEVI 99€ DI VERA PREVENZIONE ANTISISMICA

CONDIVIDI

durata_terremoto-705x275

– Un articolo del 2014, rivisto un minimo su alcuni punti ‘datati’, ma molto attuale e interessante per gli aspetti sulle onde S e P relative ad un terremoto,  e su alcuni semplici sistemi di prevenzione. Di Marco Mucciarelli, sismologo INGV scomparso da poco a 56 anni 

In questi giorni pre-natalizi si discute tra chi le feste di fine anno non le sopporta, chi ci vede solo una occasione di business che ha cancellato il significato simbolico e chi non rinuncerebbe per nulla al mondo a fare e ricevere regali.

Si può poi dibattere se un regalo debba essere solo bello o anche utile, e probabilmente tra i regali utili qualcuno avrà pensato a un prodotto che viene molto reclamizzato su vari media, del costo di 99 €.

Tecnicamente si tratta di un oggetto comunemente disponibile all’estero da anni, ovvero un rilevatore di onde P, le prime ad arrivare dall’epicentro di un terremoto, quelle responsabili di ciò che una volta veniva chiamato “moto sussultorio” e che precedono le onde S, il “moto ondulatorio”, le più pericolose per gli edifici.

Le precedono di quanto? Di un secondo per ogni 8 km di distanza dall’ipocentro.

Per chi si fosse trovato a L’Aquila il 6 Aprile 2009, il preavviso sarebbe stato di 1 secondo, a Onna di 2, a Castelnuovo di 3 ed a Navelli (la località con danni strutturali gravi più lontana dall’epicentro) di 4 secondi. S

upponete di essere svegliati dalla sirena dell’allarme nel cuore della notte. Impieghereste circa un secondo a svegliarvi, uno a realizzare costa sta succedendo ed un altro a scendere dal letto, se siete giovani e reattivi.

Il tempo di preavviso se ne è già andato. Il preavviso per fare cosa? Se la casa è sicura dal punto di vista antisismico, non dovete fare nulla se non mettervi a gattoni sotto un tavolo. Se la casa è destinata a crollare, non riuscireste a raggiungere un posto sicuro in tempo.

Se la casa è destinata a rimanere in piedi nonostante riporti danni, conviene comunque rimanere all’interno.

All’esterno ci si potrebbe trovare esposti a crolli non strutturali (tegole, camini, balconi e terrazzi) che come hanno dimostrato i terremoti di Lorca e Christchurch, avvenuti in pieno giorno, possono causare dal 50 al 90% delle vittime e la gran parte dei feriti.

Scappare di casa non è la scelta migliore, a meno che non siate vicinissimi ad una uscita che da su uno spazio aperto (confesso che durante l’aftershock più forte del terremoto dell’Aquila, la sera del 10 aprile, ero a 3 metri da una porta a vetri aperta e molto ampia che dava su un giardino dell’istituto Reiss Romoli, e sono uscito in contemporanea all’arrivo delle S).

Se la vogliamo mettere da un punto di vista più tecnico, esaminiamo il grafico qui sotto, che riporta il tempo di preallarme di sistemi basati sulla differenza S-P in funzione della distanza, confrontato con l’attenuazione degli effetti in funzione della distanza.

s-pintens

Si vede che per un terremoto di intensità epicentrale del nono grado macrosismico, l’area dove si verificano molti crolli ha un raggio di circa 15 km equivalente ad un tempo di preallarme massimo S-P pari a meno di 2 secondi. L’area dove si verificano sporadici crolli ha un tempo di preallarme massimo fino a 3.5 secondi.

L’area dove si avranno lievi danni senza crolli concede da 3.5 a 5 secondi. Tempi più lunghi danno il preavviso dove non serve a nulla, se non a scatenare potenziale panico. Del resto si parla solo di attendere le onde S, ma non di sapere quanto sarà forte il terremoto, e quindi c’è la possibilità di creare allarme eccessivo a persone che percepiranno il terremoto ma senza che questo possa fare danni.

Volete farvi un regalo utile per la vostra sicurezza spendendo bene i vostri 99 €, ma forse anche meno? Seguite i consigli per l’auto protezione domestica che trovate su Io non Rischio – Terremoto e metteteli in pratica.

In un negozio di fai da te trovate tutto quello che vi serve per fissare alle pareti scaffali, librerie e altri mobili alti, fissare gli oggetti pesanti sui ripiani (come il televisore) con del nastro biadesivo, installare un fermo per l’apertura degli sportelli dei mobili dove sono contenuti piatti e bicchieri, comprare uno zainetto e metterci dentro una cassetta di pronto soccorso, una torcia elettrica, una radio a pile.

Seguite anche gli altri consigli (gratuiti) su come informarvi e far valere i vostri diritti in materia di protezione.

Oppure compratevi l’oggetto tecnologico di cui sopra e alzatevi dal letto al suo allarme,  scappate al buio (la luce è andata via per la scossa) correndo a piedi nudi sui vetri dei bicchieri caduti dalla credenza, inciampando nel televisore rotto e terminando la vostra corsa sotto le tegole che stanno scivolando dal tetto.