TERREMOTO L’AQUILA: CONTRIBUTI NON DOVUTI, 5 INDAGATI E SEQUESTRI PER 420MILA EURO

In questi giorni, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza dell’Aquila hanno eseguito una serie di sequestri di disponibilita’ finanziarie e di beni immobili per un valore di circa 420.000 euro emessi dalla locale autorita’ giudiziaria nei confronti di 5 soggetti responsabili di aver indebitamente conseguito contributi per la ristrutturazione e riparazione di unita’ abitative danneggiate dal sisma del 2009.

Le misure cautelari eseguite giungono al termine di numerose indagini di polizia giudiziaria eseguite nell’ambito di una piu’ vasta attivita’ investigativa avviata su scala provinciale e finalizzata al contrasto del fenomeno dell’indebita percezione delle provvidenze pubbliche destinate alla ricostruzione degli immobili lesionati dal terremoto.

Piu’ in particolare le indagini hanno consentito di individuare 5 soggetti che attraverso false autocertificazioni avevano percepito contributi per un importo pari ad 420.000 euro non dovuti, in quanto utilizzati per la riparazione/ricostruzione di immobili destinati ad usi diversi dall’abitazione principale.

Tali condotte, integrando gli estremi del reato di cui all’art. 316 ter C.P. (Indebita percezione di erogazione a danno dello Stato), hanno portato all’esecuzione dei detti provvedimenti di sequestro per un ammontare complessivo pari alle somme indebitamente percepite dagli indagati. Sequestri eseguiti dalle Fiamme Gialle a seguito di articolati accertamenti di natura patrimoniale finalizzati a ricostruire e quantificare i beni e le disponibilita’ finanziarie riconducibili ai beneficiari dei contributi.

L’operazione di servizio svolta testimonia la crescente attenzione posta dalla Guardia di Finanza nel contrasto ad ogni forma di spreco di risorse pubbliche, anche attraverso forme sempre piu’ virtuose di collaborazione con l’autorita’ giudiziaria e gli altri organismi di vigilanza.

COMMENTI