L’AQUILA, FURTI IN ABITAZIONI: PRIMI ARRESTI

CONDIVIDI

I carabinieri dell’Aquila hanno arrestato due albanesi. Si tratta di Kristian Ndoj e Vitor Prenga, di 29 e 34 anni, trovati in possesso di una grande quantità di materiale rubato.

Il primo è stato fermato mentre si aggirava con fare sospetto nei pressi di alcune abitazioni di San Giacomo, quartiere preso di mira dai ladri nelle ultime settimane, brandendo un grosso coltello da cucina che alla vista dei militari ha cercato di occultare.

La perquisizione personale e poi domiciliare, ha consentito di ritrovare all’interno della sua abitazione, nella zona, capi di abbigliamento, elettrodomestici, monili e denaro contante anche di valuta canadese, per un valore complessivo di oltre 20mila euro, ritenuto provento di furti.

Si tratta della refurtiva dei furti commessi all’interno delle abitazioni cittadine nei giorni scorsi.

Parte della refurtiva è stata subito riconosciuta e restituita ad alcune delle “vittime” (tre persone che nei giorni scorsi avevano subìto furti in abitazione) ai quali è stata fatta visionare. Altro materiale è stato, invece, messo sotto sequestro in attesa di essere fatto visionare ad altri derubati.

I carabinieri, a seguito delle ondate di furti messi a segno nelle scorse settimane in varie zone della città, hanno messo in campo una serie di controlli impiegando complessivamente oltre 100 militari con l’utilizzo di 43 mezzi, identificando in tutto 295 persone e controllando 191 veicoli.