SE L’ABRUZZO SEMBRA IL TIBET (galleria fotografica)

CONDIVIDI

Leggi anche: IL GRAN SASSO E IL CINEMA, DA TRINITÀ A HOLLYWOOD

Vaste praterie abitate soltanto da qualche pastore con il suo gregge. Laghi che spuntano all’improvviso tra le montagne imbiancate.

Ruscelli d’acqua che scorrono in superficie, tra il verde e le pietre levigate. Cime rocciose sulle quali, tra gole e solchi profondi, la luce del sole si riflette in mille modi diversi.

Siamo in Abruzzo, all’interno del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, ma sembra di stare in Tibet o, in alcuni casi, tra i canyon del nord America o persino tra le praterie irlandesi.

Le immagini sono del fotografo Maurizio Anselmi, che ha trascorso gli ultimi dieci anni della sua vita professionale a immortalare gli angoli più nascosti e incontaminati di una delle regioni più verdi d’Europa (testi di Nicola Catenaro – foto di Maurizio Anselmi. Nell’immagine Campo Imperatore, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga) – fonte Corriere.it

Abruzzo_foto_magiche1Abruzzo_foto_magiche3Abruzzo_foto_magiche5Abruzzo_foto_magiche2Abruzzo_foto_magiche6Abruzzo_foto_magiche8Abruzzo_foto_magiche9

Tutte le 38 foto sono visibili a questo link.