18 aprile: carriole e libri a L’Aquila

CONDIVIDI

Carriole e libri: connubio inedito all’Aquila, nell’ottava settimana di fila della mobilitazione del “popolo delle carriole”, tornato a riunirsi stamani nella centrale piazza Duomo con carriole stracolme di libri, donati da cittadini e associazioni, per l’allestimento di una piccola biblioteca ad accesso libero all’interno del tendone tirato su come presidio permanente oltre due mesi fa. L’iniziativa e’ in omaggio alla Giornata Mondiale del Libro del 23 aprile prossimo, ma mira anche a portare l’attenzione sulle tematiche del diritto allo studio, con i ritardi sui servizi mensa. Di qui la scelta di aprire la giornata nel polo didattico universitario di Coppito, dove gran parte dei libri sono stati scaricati.

Una delegazione di manifestanti – studenti e docenti universitari, liberi professionisti ma anche persone non direttamente interessate al mondo universitario – ha avuto accesso nei vecchi locali della mensa di ateneo, ancora inagibili dal sisma. “Insieme con le macerie, le carriole dovrebbero portare sempre libri – ha spiegato Anna Guerrieri, docente dell’area di matematica della facolta’ di Scienze – in segno di condivisione della cultura in una citta’ che vuole trovare motivi per risorgere”. Poi, tutti in piazza Duomo dove e’ stata allestita una piccola libreria di libera consultazione all’interno del cosiddetto “presidio permanente”. Al termine dell’iniziativa, i partecipanti hanno avviato un giro di ricognizione nella “zona rossa” prima di dedicarsi alla consueta attivita’ domenicale di rimozione e smistamento delle macerie.

Foto nell’articolo di Fabio Iuliano