Coop Adriatica dona due macchine salva-libri e 10.000 volumi

CONDIVIDI

Coop Adriatica, con Legacoop Abruzzo, ha donato due macchine ’salva-libri’ e oltre 10.000 volumi alla biblioteca provinciale dell’Aquila ‘Salvatore Tommasi’. La cooperativa ha devoluto 30.000 euro per acquistare gli impianti per restaurare i 260.000 testi danneggiati dal terremoto. In tutto, al sostegno per la ripresa delle attivita’ culturali in citta’, andranno oltre 100.000 euro . L’istituzione, la cui sede e’ stata gravemente danneggiata dal sisma, e’ a Bazzano. I 10.000 volumi destinati ad arricchire la biblioteca sono stati raccolti lo scorso anno da Coop Adriatica e librerie.coop soprattutto a Bologna e in Abruzzo. Le macchine salva-libri sono di due tipi. Una, automatica, aspira la polvere dai volumi che vengono inseriti al suo interno; la seconda, adatta ai documenti più antichi e preziosi, ha la forma di una ‘incubatrice’: grazie alle apposite maniche protette, l’operatore può anche inserire le braccia, e pulire i testi con delicatezza servendosi di un pennello.

Alla conferenza stampa per presentare l’iniziativa hanno preso parte il presidente della Provincia dell’Aquila Antonio Del Corvo, il vicepresidente e il direttore delle Politiche sociali di Coop Adriatica, Rino Ruggeri e Marco Gaiba, il direttore della ‘Salvatore Tommasi’ Paolo Collacciani e il commissario straordinario della Legacoop Abruzzo Elio Di Odoardo. “‘Restaurare i libri, ricostruire la cultura – ha spiegato Gaiba – significa anche ricostruire legami, coesione e crescita sociale in una citta’ così profondamente colpita dal sisma. E’ un primo contributo concreto, che proseguira’, nei prossimi mesi”. Ammontano a 106.000 i fondi raccolti dai soci di Coop Adriatica nel 2009.