Visita <a href="http://www.liquida.it/" title="Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida">Liquida</a> e <a href="http://www.liquida.it/widget.liqui da/" title="I widget di Liquida per il tuo blog">Widget</a>

L’AQUILA: IL 3 MAGGIO RIAPRE IL FARFARELLO A PIAZZA PALAZZO

 

(di Elisa Marulli, da AbruzzoWeb.it) - Riapre il Farfarello, il locale situato nel cuore del centro storico aquilano, a piazza Palazzo.

Ed è proprio nello stesso luogo, a differenza di molte attività che invece si sono rilocalizzate in periferia, che giovedì 3 maggio “il diavoletto” riaprirà, seppur “incerottato” dai puntellamenti.

“Se tutto va bene torniamo in attività”, dice un po’ scaramantico Emidio Cialente, proprietario del locale, che ha avuto un coraggio non comune: riaprire in una zona praticamente deserta, dove tutti i palazzi sono inagibili e disabitati ormai da più di tre anni.

“Contro tutto e tutti - dice – qualche matto come me sta cercando di riportare la vita nel centro storico, nonostante le mille difficoltà che si incontrano. È importante che le persone si battano per far risorgere la città, che rischia altrimenti di non vedere più la luce”.

La riapertura avverrà esattamente 1.125 notti dopo il “Terremoto party” di quel sabato 4 aprile del 2009, quando al Farfarello molti giovani aquilani si diedero appuntamento per esorcizzare la paura per quelle scosse che si stavano susseguendo.

“Tutto è rimasto così com’era quel giorno - continua Emidio - Ho lasciato anche la lavagnetta con la scritta ‘Terremoto party - mojito a 3 euro’ appesa lì dov’era, tre anni fa”.

Il Farfarello, soprattutto d’estate, si riempiva di giovani che popolavano la piazza, che soprattutto in occasione di concerti diventava il fulcro della movida notturna aquilana.

La vita quindi tonerà anche in quell’angolo di centro storico dove ora regna solo il buio e il silenzio. La maggior parte dei locali ha infatti riaperto nella zona di piazza Regina Margherita, una grossa concentrazione che aveva anche sollevato qualche problema di sicurezza.

Elisa Marulli, da AbruzzoWeb.it

COMMENTI