TERREMOTI, RISCHIO SISMICO E PREVENZIONE: I GEOLOGI SCRIVONO A MARIO MONTI

CONDIVIDI

Il presidente del  Consiglio Nazionale Geologi, Gian Vito Graziano, ha scritto una lettera al presidente del Consiglio Mario Monti. Riportiamo alcuni passaggi.

“Mi permetta Sig. Presidente di rappresentarLe la particolare contingenza in cui si trova la geologia italiana, pur all’indomani dell’ennesima catastrofe che ha colpito l’Emilia Romagna, che ha portato all’attenzione, questa volta in modo più evidente che in altre occasioni, quanto importante e strategica sia la conoscenza geologica del nostro territorio”.

“Eppure, proprio all’indomani di questo terremoto, il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici propone una modifica sostanziale ad alcuni articoli del D.P.R. 380/2001 nella direzione opposta a quella della conoscenza e conseguentemente a quella della prevenzione. Una modifica che si esplicita con la scomparsa di quell’elaborato progettuale fondamentale, che è la relazione geologica, e con essa tutto quel bagaglio di conoscenze che consente di operare scelte compatibili con l’assetto del territorio”.

“Non siamo contrari alle semplificazioni, tutt’altro, ma siamo contrari, questo sì, a qualunque deroga ai concetti di sicurezza e di benessere dei cittadini. Si può costruire un edificio “semplice” o “modesto” in un’area in frana o in un’area di possibile esondazione di un fiume o in un’area di possibile liquefazione dei terreni o in tanti altri scenari di rischio. Non per questo possiamo permettere che esso crolli e arrechi danni a persone e a cose. Non possiamo permettercelo Sig. Presidente, perché già troppe volte questo è accaduto”.

“Sig. Presidente, dia alla comunità geologica l’opportunità di svolgere con dignità il proprio ruolo, di fare quello che i geologi sanno fare. All’indomani della prossima alluvione, del prossimo terremoto o della prossima frana potremo finalmente dire che qualcosa sta cambiando e non essere costretti a puntare il dito verso quegli apparati dello Stato che dovrebbero avere a cuore (mi perdoni l’uso del condizionale) la sicurezza dei cittadini e l’interesse pubblico.”

scarica la lettera in pdf