Lettera del Rettore Di Iorio al Presidente Napolitano

CONDIVIDI

N.d.R.: L’Aquila ha bisogno anche dell’Universita’. Auguriamoci che chi debba intervenire lo faccia ed in tempi brevi.

27 ottobre 2009
“LA SITUAZIONE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI AQUILANI NON È PIÙ SOSTENIBILE!”

Il rettore dell’Universita’ dell’Aquila prof. Ferdinando di Orio ha scritto al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per segnalare la ormai non più sostenibile situazione in cui versano gli studenti universitari aquilani, senza residenze né servizi.

«Qualora le giuste attese degli studenti restassero ancora inevase perpetuando l’equivoco che e’ l’Universita’ la causa di tale situazione e che ad essa ne va attribuita la responsabilita’, sarei costretto a rassegnare le dimissioni da rettore dell’Universita’ dell’Aquila, al fine di fare almeno chiarezza su una situazione che e’ ormai insostenibile».


«Nella lettera» – spiega il rettore di Orio – ho manifestato al Presidente della Repubblica tutte le mie preoccupazioni per gli studenti universitari aquilani, le cui attese in merito al problema degli alloggi e dei servizi sono rimaste ancora inascoltate».

«La mia iniziativa» – continua il rettore – «rappresenta l’estremo tentativo per salvaguardare gli interessi dell’Universita’ dell’Aquila e della sua citta’. Il futuro, infatti, della citta’ dell’Aquila e’ inscindibile da quello della sua Universita’. Ciò che trovo particolarmente intollerabile il fatto che le giuste esigenze degli studenti finiscano per essere contrapposte con le altrettanto giuste esigenze dei cittadini aquilani, quasi che il bene degli uni rappresentasse il male per gli altri.

Così non e’, anche in considerazione della vocazione universitaria della citta’ dell’Aquila da sempre riconosciuta e, paradossalmente, a più riprese ribadita, anche dopo il sisma, proprio da quelle istituzioni che nulla stanno facendo in tal senso».

«Mi sono persino chiesto se non fosse stato meglio sospendere le iscrizioni nel nostro Ateneo, pur di non assistere ad una situazione discriminante degli studenti universitari aquilani, soprattutto se confrontata a quella dei loro colleghi di altri Atenei, anche regionali.  Ma questa mia decisione avrebbe significato, di fatto, la “morte” dell’Universita’ dell’Aquila, vanificando tutti gli sforzi sin qui compiuti anche da parte del Governo nazionale, mettendo in pericolo il posto di lavoro di più di mille persone che oggi lavorano nel nostro Ateneo e compromettendo ulteriormente la ripresa dell’attivita’ economica di tutto il comprensorio aquilano».

«Qualora le giuste attese degli studenti restassero ancora inevase – conclude il rettore di Orio – «perpetuando l’equivoco che e’ l’Universita’ la causa di tale situazione e che ad essa ne va attribuita la responsabilita’, sarei costretto a rassegnare le dimissioni da rettore dell’Universita’ dell’Aquila, al fine di fare almeno chiarezza su una situazione che e’ ormai insostenibile».