Tasse: Pezzopane c’è, e chiama Del Corvo e Chiodi

CONDIVIDI

Non dovremo attendere molto per capire  le intenzioni di Del Corvo nei confronti del capoluogo di regione e delle popolazioni del cratere. I diritti sulle tasse il primo banco di prova, con scadenza a fine Giugno. A Del Corvo il compito di dimostrare, con i fatti, il suo impegno per evitare il tracollo economico del territorio colpito dal sisma. Sulle tasse daremo una prima valutazione, su Del Corvo e sulle intenzioni del governo di riconoscere le agevolazioni economiche date in terremoti recenti. Attendendo che Chiodi confermi, dopo oltre un anno, la zona franca tanto sbandierata in campagna elettorale.

PEZZOPANE, BATTAGLIA SU TASSE DA BANCHI OPPOSIZIONE

”Il 22 aprile s’insediera’ il nuovo Consiglio provinciale. Io saro’ capogruppo del PD e dai banchi dell’opposizione, insieme all’IdV, lancero’ proposte serie e concrete. Priorita’ daro’ al problema delle tasse; chiedero’ una precisa presa di posizione da parte del neo Presidente della Provincia, del Presidente della Regione Abruzzo e di tutto l’entourage di centrodestra, affinche’ sia prorogata la sospensione delle tasse e affinche’ agli aquilani sia riconosciuto lo stesso trattamento fiscale di altre popolazioni terremotate”. Stefania Pezzopane, presidente uscente della Provincia dell’Aquila, si e’ soffermata appena,  insieme al parlamentare PD, Giovanni Lolli, sul perche’ della sconfitta elettorale, preferendo guardare avanti, ai prossimi impegni, gran parte dei quali derivanti dal nuovo ruolo di ”coordinatrice” assegnatole direttamente dal segretario nazionale del partito, Pierluigi Bersani. ”Certa stampa – ha pero’ voluto sottolineare la Pezzopane – ha fatto passare la mia sconfitta come conseguenza delle proteste popolari da me guidate. Ma cosi’ non e’. Il mio insuccesso ha una natura piu’ complessa.

Soprattutto, e’ stato dovuto al fatto che non si e’ trattato di un confronto provinciale alla pari, ma di un vero e proprio referendum sull’operato del Governo”. La Pezzopane ha detto di voler ripartire dal lusinghiero 57 per cento per continuare la battaglia per il bene della sua citta’ e della sua gente. A partire dall’organizzazione di un convegno nazionale col gotha della politica e della cultura, a maggio, per delineare le ”Linee guida vere” per la riqualificazione urbanistica, per il risparmio energetico e per lo sviluppo tecnologico all’Aquila del post sisma.