L’AQUILA: RIAPERTO SANTUARIO DELLA MADONNA D’APPARI

CONDIVIDI

Una sapiente opera di restauro ha cancellato le lesioni provocate dal sisma di due anni fa alla struttura architettonica ed agli affreschi. Il Santuario della Madonna d’Appari, a Paganica (L’Aquila), una delle piu’ amate e conosciute dell’intero Abruzzo, e’ da oggi di nuovo riaperta al culto.

“Grazie al progetto ‘Una chiesa per Natale’, 116 chiese lesionate dal terremoto sono state rese agibili e fruibili – ha ricordato il vicecommissario per la tutela dei Beni culturali, Luciano Marchetti – L’iniziativa e’ nata dalla necessita’ di individuare, nell’ambito di ogni parrocchia, un punto di aggregazione per le comunita’. A questi edifici religiosi gia’ recuperati, se ne sono aggiunti altri 39 finanziati dal Commissario delegato per la Ricostruzione, Gianni Chiodi. Detto contributo e’ finalizzato a chiese di particolare rilevanza storico-architettonica della citta’ e del cratere o di grande importanza per la collettività”.

Incastonata tra una parete rocciosa e il corso del torrente Raiale, il santuario dedicato alla Madonna d’Appari e’ stato restaurato in virtu’ di un doppio canale finanziario. Il recupero strutturale dell’edificio e’ avvenuto utilizzando i 52 mila euro previsti dal progetto “Una chiesa per Natale”, promosso dalla Struttura di Marchetti; l’intervento sugli apparati decorativi e’ stato sostenuto dalla banca di Credito Cooperativo di Anagni con 130 mila euro e curato dalla storica d’arte Biancamaria Colasacco.

Molti fedeli hanno partecipato alla cerimonia solenne di sabato, presenziata dall’arcivescovo dell’Aquila, Giuseppe Molinari, dal vescovo ausiliario, Giovanni D’Ercole, dal vicecommissario Marchetti e dal presidente della banca di Credito Cooperativo di Anagni, Cataldo Cataldi. Tra la folla anche il direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici per l’Abruzzo, Fabrizio Magani, il consigliere regionale, Luca Ricciuti, la vicepresidente della Provincia dell’Aquila, Antonella Di Nino, e il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente.

(ASCA)