L’AQUILA: «ALLOGGI VUOTI IN C.A.S.E. E M.A.P. MA GLI SFOLLATI ANCORA IN HOTEL»

CONDIVIDI

Comunicato stampa AFI – Sulla questione sfollati presso la Scuola della Guardia di Finanza, prende parola contro il sindaco Massimo Cialente (Pd), l’associazione “Alternativa Futura per l’Italia” che interviene attraverso Federico Ingria, leader aquilano dell’A.F.I.

«Con una Città da ricostruire ed in un momento di crisi generale, è vergognoso che si continui a sperperare denaro in futilità. Una razionalizzazione delle spese non solo è doverosa, ma è l’unica via per non sottrarre ulteriori risorse alla ricostruzione».

«Svuotare la caserma, da sempre considerata il luogo meno adatto per ospitare gli aquilani – prosegue Ingria -, comporterebbe un risparmio significativo e contestualmente permetterebbe l’assegnazione degli alloggi vuoti. Quello che mi rattrista, è vedere appartamenti chiusi, non assegnati a nessuno, nonostante siano ancora numerosi i nuclei familiari in attesa di una sistemazione. A tal proposito mi chiedo cosa non abbia funzionato».

«La realtà dei fatti – conclude -, è che dopo quasi quattro anni dal terremoto, nonostante i numerosi appartamenti liberi nei vari progetti C.A.S.E. e MAP nella provincia dell’Aquila, ad oggi ci sono ancora circa cento persone ospitate negli Hotel all’interno della scuola della Guardia di Finanza».

Federico Ingria
Segretario Comunale “A.F.I. – L’Aquila”


MAP_LAquila