TERREMOTO: LA SITUAZIONE SCUOLE A SCOPPITO, PIZZOLI E TORNIMPARTE

CONDIVIDI

scuola_elementareI sindaci di Scoppito, Pizzoli e Tornimparte hanno fornito comunicazioni circa lo stato delle scuole dei relativi comuni, in seguito al terremoto del 24 agosto 2016 ed in vista della riapertura dell’anno scolastico.

Il Comune di Pizzoli ha pubblicato gli esiti di agibilità riguardanti gli edifici scolastici: la Scuola dell’Infanzia ‘Del Tosto’ è risultata classificata “B”, cioè inagibile con danni lievi. Nello specifico è stata segnalata la necessità di interventi di “riparazione di tamponature e tramezzi lesionati”. Gli altri edifici scolastici di Pizzoli sono stati classificati “A”, cioè agibili.

Il sindaco di Scoppito Marco Giusti ha comunicato di aver richiesto dei controlli per verificare la vulnerabilità sismica di tutti gli edifici pubblici. In ogni caso, già prima del sisma del 24 agosto era stato deciso che l’attivita scolastica per l’anno 2016/2017 si sarebbe svolta in quattro plessi: «La scuola dell’infanzia utilizzerà la scuola fratelli Grimm di Civitatomassa e il centro polifunzionale Coop, mentre la scuola primaria si svolgerà presso il centro polifunzionale Sanofi e presso la scuola Foruli di Madonna della Strada», spiega il sindaco Giusti. «Comunico a tutti i genitori che tutti gli edifici sono dotati di agibilità sismica post 2009 e che in seguito alle verifiche da parte dell’ufficio tecnico comunale effettuate in questi giorni, non hanno subito danni dal sisma del 24 agosto».

Il sindaco di Tornimparte Giacomo Carnicelli ha comunicato lo stato degli edifici scolastici del comune: «I tecnici della Reluis hanno verificato tutti i plessi scolastici del territorio di Tornimparte; tutte le strutture sono risultate agibili, cioè non hanno riportato danni strutturali a seguito del sisma del 24 agosto scorso. Sfortunatamente queste verifiche di agibilità non dicono nulla a proposito della vulnerabilità sismica delle strutture… da questo punto di vista l’edificio che presenta le maggiori criticità è la scuola primaria “Gigante-Porto”, per il quale abbiamo, infatti, avviato già da tempo le verifiche di vulnerabilità sismica i cui esiti preliminari ci indicano grosse criticità. […] Per tale ragione, d’accordo con il Dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Comenio (con il quale stiamo lavorando in strettissima sinergia) abbiamo proposto al corpo Docente ed ai Rappresentanti dei Genitori lo spostamento temporaneo delle classi della scuola Primaria nelle strutture di Piè La Villa e di Barano. Tali strutture sono state da poco ristrutturate ed offrono maggiori garanzie. Lo spostamento resterà in vigore fino a quando non avremo un dato certo circa l’indice di vulnerabilità della plesso che ospita la scuola primaria “Gigante-Porto”.

COMMENTI