EREMI DI CELESTINO V IN ABRUZZO: SANTO SPIRITO A MAJELLA

CONDIVIDI

ss1

L’eremo di Santo Spirito è sicuramente il più grande e famoso di tutta la Majella, e anche se nel corso dei secoli ha subito diverse trasformazioni mantiene ancora il fascino dovuto alla stupenda posizione nella valle omonima.

ss2La data dell’origine dell’eremo non è nota, anche se si crede sia anteriore all’XI secolo. La prima fonte storica risale al 1053 e riporta la presenza del futuro papa Vittore III, che vi costruì una chiesa. Nel 1246 vi dimorò Pietro da Morrone, il futuro Papa Celestino V, che ristrutturò l’eremo e vi costruì l’oratorio ed una prima cella, seguite da un secondo oratorio ed altre celle al crescere della comunità.

Su richiesta di Pietro da Morrone, con una lettera del 1º giugno 1263 il papa Urbano IV chiese al vescovo di Chieti di incorporare i monaci dell’eremo nell’Ordine di San Benedetto e nel 1278 all’eremo venne concessa l’autonomia ed il titolo di monastero, rimanendo a capo dell’Ordine fino al 1293, quando la funzione di monastero principale dell’ordine passò all’Eremo di Sant’Onofrio al Morrone. Tra il 1310 ed il 1317 fu priore del monastero Roberto da Salle, mentre nel 1347 vi fu ospitato Cola di Rienzo. Seguì un periodo di declino fino al 1586, quando l’eremo ottenne il titolo di Badia. Venne costruita la Scala Santa per l’accesso all’oratorio di Santa Maria Maddalena e l’11 aprile 1591 furono traslate a Santo Spirito le ossa di Stefano del Lupo dal monastero di Vallebona di Manoppello. Alla fine del XVII secolo il Principe Caracciolo di San Buono fece costruire l’edificio di tre piani della foresteria.

ss3Con la soppressione degli ordini monastici del 1807, il monastero fu definitivamente abbandonato ed i beni al suo interno portati a Roccamorice.

COME ARRIVARE:  A24/A25 RM-PE uscita Alanno-Scafa/ proseguire in direzione Caramanico/ Roccamorice. Da Napoli: A1 NA-RM uscita Caianello/ seguire indicazioni per Castel di Sangro/ Roccaraso/ Sulmona/ A25 direzione Pescara uscita Alanno-Scafa/ proseguire in direzione Caramanico/ Roccamorice

ITINERARIO
Da Roccamorice seguire  la segnaletica Fonte Tettone / Blockhaus. Dopo circa 4 km di tiene la destra seguire la segnaletica per Eremo di Santo Spirito/Eremo di San Bartolomeo. Quindi si prosegue per un ulteriore bivio verso sinistra,  segnaletica Eremo di Santo Spirito. Arrivati in prossimità dell’eremo è possibile parcheggiare facilmente a poca distanza dalla strada terminale. Disponibile anche un’area pic-nic a 5 minuti dall’eremo.

NOTA: l’ingresso alla chiesa è gratuito, mentre per il resto degli edifici si paga un biglietto, esclusi bambini sotto i 10 anni (il costo è di 3,00 € nel 2016, 5,00€ la visita guidata che consente anche l’accesso alla cripta).

Scala santa (prima parte)

Scala santa (prima parte)

Attualmente dell’eremo risultano conservati la chiesa, la sagrestia ed i resti del monastero distribuiti su due piani, con la foresteria e delle celle. La chiesa molto probabilmente aveva un portico composto da due archi. Sull’ingresso, restaurato alla fine del XVI secolo, si nota la scritta “Ecclesia haec S. Spiritui ab Angelis consecrata, Aegris Medicina est, et Christi Fidelibus Dimittit Peccata Omnia” ed al centro “Porta Coeli”. Il portale in legno, insieme alla statua di San Michele Arcangelo ed al tabernacolo, risalgono al 1894 quando la chiesa fu riaperta al culto.

La parte più antica della chiesa è il presbiterio, che presenta archi a sesto acuto caratterizzati da costoloni e due porte a lato dell’altare che conducono al coro. Con la riapertura al culto della chiesa furono riportate all’eremo le opere che erano state trasferite nella chiesa di Roccamorice, come i dipinti della Madonna, la Discesa dello Spirito Santo nel Cenacolo, una statua di Cristo in legno ed un busto di papa Celestino V. A queste si aggiungono due tele dell’Ottocento con San Giuseppe e Sant’Elena.

Il nucleo originario dell’eremo si trova nella parte bassa della chiesa, scavato nella roccia. Ha due ingressi, il primo dei quali fa accedere a quella che viene chiamata la stanza del Crocifisso da dove, tramite alcuni gradini, si accede ad un’altra stanza che potrebbe essere il giaciglio di Pietro da Morrone; il secondo ingresso conduce a due stanze per la sepoltura dei principi Caracciolo di San Buono. Seguono un primo blocco di stanze di servizio al piano terra e di camere al piano superiore, mentre un secondo settore è formato da sei grossi locali allo stato di rovine.

ss4

Il terzo edificio è la foresteria, o Casa del Principe, che si sviluppa su tre piani. È possibile accedervi tramite un corridoio scavato nella roccia. Vicino all’ingresso della foresteria si trova la Scala Santa che, con 31 gradini, porta tra i ruderi di altri edifici.

ss6

Un’altra scala di 76 gradini arriva ad una balconata coperta di notevoli dimensioni. Due brevi scale portano all’oratorio della Maddalena, ricavato nello sperone interno alla balconata.

Oratorio della Maddalena

Oratorio della Maddalena

COMMENTI