Home » Terremoti Storici

TERREMOTO FRA UMBRIA E TOSCANA: 26 APRILE 1917, CENTO ANNI DOPO

Il 3 maggio 1917 un fante dell’esercito italiano acquartierato sul fronte di guerra italo-austriaco scriveva a casa, molto preoccupato: “Cartolina dal fronte, 3 maggio 1917, da Castelli et al., 2016”. “Zona di guerra, 3 maggio 1917. Carissimi genitori […] molto in agitazione mi tiene di non sentire – è diversi giorni – vostre notizie ma voglio sperare che il terremoto, come ho inteso... 
Tags: ,

2 FEBBRAIO 1703, IL GRANDE TERREMOTO A L’AQUILA

Distribuzione degli effetti di danneggiamento dal VII MCS in su per i terremoti del 14 gennaio 1703 (cerchietti rossi), del 2 febbraio 1703 (cerchietti gialli) e del 6 aprile 2009 (cerchietti verdi).   Il 2 febbraio 1703 avvenne il più forte terremoto noto alle fonti storiche che abbia interessato il settore aquilano dell’Appennino centrale  (continua)

13 GENNAIO 1915, TERREMOTO AD AVEZZANO: 30MILA MORTI, FOTO E VIDEO

La prima pagina del quotidiano La Stampa del 14 gennaio 1915 Alle 7:52 del 13 gennaio 1915 un terremoto tra i più forti della storia sismica italiana colpì un ampio settore dell’Italia centrale, Avezzano e la Marsica in particolare, causando oltre 30.000 vittime e il ferimento di molte migliaia di persone, molte delle quali tuttavia perirono di stenti nelle settimane seguenti.  (continua)

ACCADDE OGGI: 13 GENNAIO 1915, TERREMOTO AD AVEZZANO, OLTRE 30MILA MORTI

Il 13 gennaio 1915 alle 7.53 del mattino, un violento terremoto colpì l’Italia centrale, provocando danni gravissimi ad Avezzano, in tutta la Piana del Fucino e in numerose località della Valle Roveto e della media Valle del Liri. L’intensità macrosismica stimata sulla base della distribuzione dei danni fu dell’XI grado della scala MCS, la magnitudo (Mw) 7.0.  (continua)

15 OTTOBRE 1911: IL TERREMOTO ETNEO, LA SCOMPARSA DI UN INSEDIAMENTO RURALE

I terremoti degli ultimi mille anni in Sicilia [fonte: http://emidius.mi.ingv.it/CPTI11] 15 ottobre – La regione etnea, come larga parte della Sicilia orientale, è un’area ad elevata pericolosità sismica essendo esposta agli effetti di terremoti di elevata magnitudo, anche superiore a 7.  (continua)

PIZZOLI, LA FAGLIA DEL TERREMOTO DEL 1703

Vedi anche: VIDEO: TERREMOTI A PIZZOLI, PARLA IL SISMOLOGO CHRISTIAN DEL PINTO Vedi anche: TERREMOTI, IL SISMOLOGO DEL PINTO: LA STATISTICA NON È IL DETERMINISMO (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Il terremoto che distrusse L’Aquila il 2 Febbraio 1703, giorno della Candelora, è stato generato dalla faglia del Monte Marine, a ridosso di Pizzoli e Barete.  (continua)

TERREMOTI STORICI: 8 SETTEMBRE 1694, SCOSSA DEVASTANTE COLPISCE LA DORSALE APPENNINICA IRPINO-LUCANA

Un violento terremoto nell’area appenninica tra Campania e Basilicata: sono devastati una trentina di paesi, fra cui Pescopagano, Sant’Angelo dei Lombardi, Teora, Caposele, Conza della Campania, Lioni, Santomenna… A chi ha l’età per ricordare, la memoria corre immediatamente al terremoto del 23 novembre 1980 (Imax X mcs, Mw 6.8, catalogo CPTI15 – DBMI15) il più grande disastro sismico... 
Tags: ,

19 OTTOBRE 1768: TERREMOTO NELL’APPENNINO TOSCO-ROMAGNOLO

Nella notte tra il 19 e il 20 ottobre 1768, attorno alla mezzanotte ora locale (cioè attorno alle 23 GMT, l’ora riportata per convenzione nei cataloghi sismici), due forti scosse di terremoto colpirono l’Appennino tosco-romagnolo, causando gravi danni nell’alta valle de lfiume Bidente.  (continua)

30 SETTEMBRE 1789: TERREMOTO IN TOSCANA E UMBRIA

Nella tarda mattinata del 30 settembre 1789 un forte terremoto colpì la Valtiberina, come viene comunemente chiamata l’Alta Valle del Tevere, oggi incuneata tra la Toscana e l’Umbria. Questa  (continua)