Silveri (ASL), su Collemaggio chiusura totale verso i comitati cittadini

CONDIVIDI

Sara’ un confronto tra Asl, Comune e Provincia dell’Aquila e Regione Abruzzo a decidere il futuro dell’area dell’ex complesso ospedaliero di Collemaggio nel capoluogo abruzzese.
Lo ha detto il direttore generale della Asl 1, Giancarlo Silveri, a margine della cerimonia di inaugurazione di un centro di assistenza per diabetici realizzato presso l’ospedale “San Salvatore” grazie alla Provincia autonoma di Bolzano. “E’ opportuno chiarire – ha spiegato Silveri – che quell’area non e’ affatto un parco pubblico.

La Asl ne ha proprieta’ e daremo al Comune la facolta’ di stabilire la futura destinazione d’uso di quegli spazi sulla base degli indici di edificabilita’, poi quest’area verra’ messa sul mercato”. Silveri ha lamentato l’occupazione di spazi da parte di alcuni comitati spontanei sorti dopo il terremoto del 2009.
Non e’ tollerabile il fatto che nostri spazi vengano occupati abusivamente, se questa cosa avvenisse nella piazza del Comune avrebbe più senso. Un’occupazione fatta nella proprieta’ privata di un ente pubblico, che non può crearsi servitù nel proprio ambito, e’ qualcosa che va ben oltre la normativa”.
Il manager ha confermato la prossima regolamentazione d’accesso all’area attraverso cancelli. “Tutto ciò – ha spiegato – fa parte di un progetto gia’ appaltato prima che diventassi direttore generale, quel territorio, di notte, versa in stato d’abbandono”.