L’AQUILA: ATTIVATO SISTEMA DI MONITORAGGIO DEL TRASPORTO DELLE MACERIE DEL TERREMOTO

CONDIVIDI

L’Aquila – Il soggetto attuatore per la rimozione delle macerie comunica che a partire da oggi è attivo il sistema di monitoraggio dello smaltimento delle macerie provenienti dagli interventi edilizi relativi alla ricostruzione dei Comuni colpiti dal sisma.

Dalle ore 10.00 è possibile la registrazione delle aziende e dalle ore 14 sarà possibile inserire i dati dei singoli viaggi.

Le imprese che intendono effettuare il trasporto delle macerie private possono già registrarsi sul sito del Commissario delegato per la Ricostruzione, indicare i cantieri nei quali operano e inserire le targhe dei veicoli utilizzati per i trasporti, come previsto dall’ordinanza della Presidenza del Consiglio dei ministri 4014/2012 e dal decreto commissariale 111/2012.

Dal 1 agosto 2012 ogni trasporto deve essere preventivamente registrato. La registrazione consiste nell’inserimento di parte dei dati necessari alla compilazione del “formulario rifiuti”, già obbligatorio per tutti (d.l. n. 22 del 5.2.1997, d.m. n. 145 del 1.4.1998 e ss.mm.ii.), e può essere eseguita in qualsiasi momento prima dell’inizio del trasporto sia collegandosi al sito, sia per telefono chiamando il numero 0862.330.10.10.

Dal 1 settembre 2012 i mezzi per il trasporto delle macerie private dovranno avere installato a bordo il dispositivo di tracciatura del percorso (OBU) acquisito da Automobile Club L’Aquila.

Il sistema di tracciabilità, che consentirà di conoscere giorno per giorno le macerie movimentate, i percorsi impiegati e i mezzi in circolazione, è in fase di avvio e pertanto sulla pagina di registrazione le aziende troveranno anche un modulo on-line da utilizzare per proporre suggerimenti al fine di migliorare il sistema.

La registrazione va effettuata sul sito del Commissario delegato per la ricostruzione all’indirizzo web www.commissarioperlaricostruzione.it/trasportomacerie o accedendo tramite il pulsante nella home page del sito.

vedi anche:

Rimozione macerie:
i dati in tempo reale