AQUILA, L’AQUILA, ALL’AQUILA O DELL’AQUILA? TOGLIAMOCI IL DUBBIO…

CONDIVIDI

L’Aquila, 8 giugno 2016 – A L’AQUILA O ALL’AQUILA?

L’enciclopedia Treccani riporta quanto segue: “Per i nomi di luogo preceduti da articolo, nella lingua scritta si è soliti usare la preposizione semplice, anche se l’incontro tra la preposizione e l’articolo dà origine a una sequenza (a la, de la) che nell’italiano contemporaneo non esiste.

Per questa ragione risulta preferibile la resa con preposizione articolata, anche se essa non rispetta del tutto l’integrità del nome. Entrambe le forme comunque sono perfettamente accettabili: Sto andando a L’Aquila / Sto andando all’Aquila.”

Andando un pò indietro negli anni, risale al REGIO DECRETO 23 novembre 1939-XVIII, n. 1891, la rettifica delle denominazioni del Comune e della Provincia di Aquila degli Abruzzi in “L’Aquila”, come di seguito riportato.

 

REGIO DECRETO 23 novembre 1939-XVIII, n. 1891.
Rettifica delle denominazioni del Comune e della Provincia di Aquila
degli Abruzzi in “L’Aquila”.

VITTORIO EMANUELE III
Per grazia di Dio e per volonta’ della nazione
RE D’ITALIA E DI ALBANIA
IMPERATORE D’ETIOPIA

Ritenuta l’opportunita’ di rettificare la denominazione del comune di Aquila degli Abruzzi in “L’Aquila” e di modificare analogamente anche la denominazione di quella provincia;
Vista la deliberazione 4 aprile 1939-XVII del podesta’ di Aquila degli Abruzzi e quelle adottate dal Rettorato provinciale nelle adunanze 10 maggio e 31 agosto dello stesso anno;
Visto l’art. 266 del testo unico della legge comunale e provinciale approvato con Nostro decreto 3 marzo 1934-XII secolo n. 383;
Sulla proposta del DUCE del Fascismo, Capo del Governo, Ministro per l’interno;

Abbiamo decretato e decretiamo:

La denominazione del comune di Aquila degli Abruzzi e rettificata in “L’Aquila”.
La provincia di Aquila assume la denominazione “Provincia dell’Aquila”.
Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sia inserito nella raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d’Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addì 23 novembre 1939-XIII
VITTORIO EMANUELE
MUSSOLINI

Visto, il Guardasigilli: GRANDI
Registrato alla Corte dei Conti,addì 22 dicembre 1939-XVIII
Atti del Governo, registro 416, foglio 91.-Mancini.