19 MARZO SCIOPERO DEI TRASPORTI, ECCO LE FASCE GARANTITE

CONDIVIDI

autobus_scioperoMercoledì 19 marzo 2014 possibili disagi per chi si deve spostare con i mezzi pubblici nelle citta’ per lo sciopero nazionale di 24 ore del trasporto locale. Lo stop e’ stato confermato da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Autoferrotranvieri e Faisa Cisal, dopo la riunione al Ministero dei Trasporti di giovedi’ scorso sulle problematiche legate al rinnovo del contratto.

Alla presenza del Ministro Maurizio Lupi e del Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, le associazioni datoriali Asstra e Anav hanno confermato che l’attuale quadro di finanziamento del settore rende possibile il rinnovo contrattuale “solo a condizione che esso risulti integralmente autofinanziato”. Per le organizzazioni sindacali “questa posizione ha impedito qualsiasi possibile sviluppo immediato e concreto del confronto per la ripresa del quale la delegazione governativa ha comunque confermato il proprio impegno ipotizzando un nuovo incontro per fine mese, a valle di ulteriori verifiche interne al Governo”.

Nel rispetto delle fasce di garanzia lo sciopero di 24 ore si terra’ domani nelle principali citta’ italiane secondo le seguenti modalita’:

a L’Aquila dalle 8:30 alle 13:10 e dalle 17:10 a fine servizio;
a Milano dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 a fine servizio;
a Roma dalle 8.30 alle 17.30 e dalle 20 a fine servizio;
a Torino dalle 9 alle 12 e dalle 15 a fine servizio;
a Genova dalle 9.30 alle 17 e dalle 21 a fine servizio;
a Venezia dalle 9 alle 16.30 e dalle 19.30 a fine servizio;
a Bologna dalle 8.30 alle 16.30 e dalle 19.30 a fine servizio;
a Firenze dalle 9.15 a fine servizio;
a Napoli dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio;
a Bari dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.30 a fine servizio;
a Palermo dalle 8.30 alle 17.30.

Per l’Abruzzo l’ARPA (Autolinee Regionali Pubbliche Abruzzesi) comunica che saranno garantiti i servizi previsti nelle fasce orarie comprese tra le ore 5,30 e le ore 8,30, e tra le ore 13,30 e le 16,30, saranno a rischio quelli da erogare nella restante parte della giornata. Inoltre, a causa delle modalità dell’astensione lavorativa, la ripresa del servizio immediatamente dopo lo sciopero per alcune corse potrebbe non essere assicurata.