HOTEL RIGOPIANO, SEMPRE MENO SPERANZE: 24 VITTIME, 5 I DISPERSI

CONDIVIDI

Continua ad essere una corsa contro il tempo ma e’ da sabato che dalle macerie dell’hotel Rigopiano sono recuperati solo cadaveri.

Il corpo privo di vita di una donna – non ancora identificata – e’ stato recuperato dai vigili del fuoco che scavano tra le macerie del resort Rigopiano. Le vittime accertate della tragedia sono ora 24, i dispersi sono 5.

Dalla tarda serata di ieri c’e’ stata una sorta di accelerazione nei recuperi da parte dei vigili del fuoco e del personale del soccorso alpino: sono diventate 24 le salme riportate in superficie e – il tempo degli adempimenti medico-legali – che saranno restituite ai loro cari.

Sono ore terribili, a distanza di ormai sei giorni dala slavina che ha cancellato il resort Rigopiano. Ancor piu’ terribili, se possibile, perche’ la natura, le difficolta’ a cui sono costretti i vigili del fuoco portano ad un crudele conteggio, ad una crudele lotteria sul chi e’ – uomo o donna? – l’ultimo recuperato in ordine di tempo.

Per assurdo, piu’ un disperso resta tale e piu’ aumenta l’angoscia dei congiunti, ma al tempo stesso – ecco la crudelta’ in piu’ in questa tragedia – proprio questo costituisce con l’alimentare ancora una flebilissima speranza per i familiari.

Una crudelta’ che presenta analogie simili solo con le ricerche dei dispersi dopo il terremoto del 24 agosto nell’Appennino centrale.

E ad ogni recupero di cadavere s’innesta un’altra attesa: quella del riconoscimento ufficiale della salma, e anche questo finisce con l’alimentare quell’assurda lotteria a cui ormai sembrano condannati i congiunti di quanti erano nell’hotel e di cui ancora non si conosce il destino.