HOTEL RIGOPIANO: NON CI SONO ALTRI SUPERSTITI, RECUPERATE LE 29 VITTIME

CONDIVIDI

E’ il bilancio finale: 29 vittime, 11 sopravvissuti. Non c’è più nessuno da salvare all’hotel di Rigopiano è un immenso cantiere che di ora in ora ha fatto emergere nuove vittime. 

Nella notte sono stati recuperati i corpi di tre uomini e questa mattina i vigili del fuoco hanno estratto all’interno della struttura crollata due donne e un altro uomo senza vita, non ancora identificati. 

Nel pomeriggio, poi, il cadavere di un’altra donna e, in serata, gli ultimi. Sono 11 le persone salvate. Tra le vittime recuperate c’è anche l’amministratore del Gran Sasso Resort Roberto Del Rosso. “Viveva praticamente lì, non lo abbandonava mai” dicevano a Contrada Mirri, l’avamposto più vicino all’hotel. Fino a sei, sette anni fa era in società con i fratelli.

Poi si era ricomprato tutto e aveva ristrutturato il resort con la piscina, la spa, il centro benessere. Ed è stato trovato anche il corpo del suo collaboratore, Alessandro Riccetti, 33 anni, il receptionist ternano dell’albergo. Nelle ore precedenti erano stati identificati anche i corpi di Paola Tomassini, Marco Vagnarelli, Piero Di Pietro e Stefano Feniello, quest’ultimo erroneamente inserito in una prima lista di persone salvate.

E mentre il premier Gentiloni, in audizione al Senato, difende la macchina dei soccorsi, con “una capacità di reazione del sistema all’altezza di un grande paese”, anche la Procura oggi ‘assolve’ i soccorsi dalle accuse di eventuali ritardi: “Dalle autopsie su sei vittime risulta che nessuno di loro è morto solo per assideramento. Molti hanno perso la vita subito per schiacciamento