DEPOSITATE LE MOTIVAZIONI DELLA CONDANNA ALLA COMMISSIONE GRANDI RISCHI

CONDIVIDI

Vedi anche questi articoli correlati:

da Repubblica – I sette scienziati della Commissione Grandi Rischi che si riunirono all’Aquila cinque giorni prima del sisma devastante, lasciarono il loro “sapere” chiuso in un cassetto, e si prestarono a una “operazione mediatica” – voluta dall’allora capo del dipartimento della Protezione Civile Guido Bertolaso – che “disinnescò” in una parte della popolazione “la paura del terremoto” e indusse 28 delle 309 vittime della tragedia del 6 aprile 2009 “ad abbandonare le misure di precauzione individuali seguite per tradizione familiare in occasione di significative scosse di terremoto, con tragiche conseguenze”.

Questo scrive il giudice Marco Billi in una delle 946 pagine di motivazioni della sentenza che ha portato alla condanna a sei anni di reclusione per omicidio colposo plurimo e lesioni gravi dei componenti della Commissione che si riunì a L’Aquila il 31 marzo del 2009, su ordine del Governo Berlusconi.


grandi_rischi_condannati“Operazione mediatica” fatale e tragica. Scrive il giudice: “Gravi profili di colpa si ravvisano nell’adesione, colpevole e acritica, alla volontà del capo del Dipartimento della Protezione Civile di fare una ‘operazione mediatica’ che si è concretizzata nell’eliminazione dei filtri normativamente imposti tra la Commissione Grandi Rischi e la popolazione aquilana. Tale comunicazione diretta, favorita dall’autorevolezza della fonte, ha amplificato l’efficacia rassicurante del messaggio trasmesso, producendo effetti devastanti sulle abitudini cautelari tradizionalmente seguite dalle vittime e incidendo profondamente sui processi motivazionali delle stesse” si legge nel dispositivo. “Dalla condotta colposa degli imputati è derivato un inequivoco effetto rassicurante”.

Chi sono gli imputati. Le motivazioni della sentenza nei confronti di Franco Barberi, (presidente vicario della Commissione Grandi Rischi dell’epoca) Bernardo De Bernardinis (già vice capo del settore tecnico del dipartimento di Protezione Civile) Enzo Boschi (all’epoca presidente dell’Ingv) Giulio Selvaggi (direttore del Centro nazionale terremoti), Gian Michele Calvi, (direttore di Eucentre e responsabile del progetto Case), Claudio Eva (ordinario di fisica all’Università di Genova e Mauro Dolce direttore dell’ufficio rischio sismico di Protezione civile) sono state depositate questa mattina alla cancelleria del tribunale dell’Aquila.

“Valutazioni approssimative e generiche”. “Le migliori professionalità scientifiche a livello nazionale” che in base ai loro singoli studi (pubblicati in Italia e all’estero) erano pur ben consapevoli della storia sismica del territorio, del “grave rischio di una forte scossa entro il 2015”, del valore dello sciame sismico in atto come “precursore di un forte evento”, si limitarono in quella riunione a una valutazione “superficiale, approssimativa e generica” con “affermazioni apodittiche e autoreferenziali, del tutto inefficaci ai doveri normativi imposti”.

La colpa grave: “La carente analisi del rischio”. “La colpa degli imputati è certamente grave – scrive il giudice – ampia e netta, infatti, è risultata la divaricazione tra la condotta in concreto tenuta e la regola precauzionale applicabile”.


E ancora: “La carente analisi del rischio sismico non si è limitata alla omessa considerazione di un singolo fattore ma alla sottovalutazione di molteplici indicatori di rischio e delle correlazioni esistenti tra tali indicatori” è scritto in sentenza.

Il sapere nascostoSpiega il magistrato: “Il carattere distintivo degli imputati non consiste semplicemente nella quantità e nella qualità del loro sapere, ma consiste nella capacità di usare tale ‘sapere’ nel senso voluto dal legislatore, ossia in senso di valutazione prevenzione e previsione del rischio. Non sottoporre tale ‘sapere’ alla valutazione dei componenti della Commissione nella sede deputata del 31 marzo 2009 equivale alla morte del sapere”. E continua: “Il tema relativo alla condivisione delle conoscenze specialistiche personali  tra i diversi imputati è particolarmente importante. La Commissione è un organo collegiale, composto dai migliori esperti in ambito nazionale. La natura composita ed eterogenea di tale organo è prevista per legge proprio al fine di consentire e di favorire la ‘comunione dei saperi’ specifici, la sinergia tra le specifiche competenze”.

da Repubblica.it