“Chi ha paura del terremoto dell’11 maggio 2011 a Roma?”. Il resoconto della conferenza

CONDIVIDI

Domanda: Da dove nasce la data dell’11 maggio 2011 se nelle carte di Bendandi non esiste?
Probabile risposta: “Il Sole dentro i venti gradi del Toro così forte la Terra trema, il grande teatro riempito crollera’, l’aria, cielo e terra, oscurati e turbati, quando l’infedele Dio e i santi invochera’”. Così scriveva Nostradamus in una delle sue controverse centurie e molti hanno attribuito a questi versi la previsione di un terribile sisma nella capitale. I venti gradi del Toro (21 aprile-20 maggio) corrispondono esattamente all’11 maggio e il “grande teatro” sarebbe dunque il Colosseo.

L’origine della profezia relativa al terremoto dell’11 maggio 2011 viene attribuita allo studioso autodidatta Raffaele Bendandi ma fra le sue carte custodite presso l’Osservatorio di Faenza non c’e’ nessuna traccia di questo evento.

Di certo Raffaele Bendandi era un sostenitore delle ipotesi secondo cui gli allineamenti planetari possono scatenare dei terremoti la’ dove si accumulano tensioni geodinamiche nella crosta terrestre. Dunque e’ probabile che qualcuno abbia associato queste credenze di Bendandi al fatto che nei prossimi giorni ci sara’ un (sia pure non perfetto) allineamento planetario tra Giove, Venere, Marte, Mercurio, Saturno e la Terra. Tuttavia un’ analisi statistica sui precedenti allineamenti planetari dimostra l’inconsistenza di questa ipotesi.

E’ questo il senso dell’incontro con la stampa promosso dall’INGV stamane presso la sede di Roma, in cui i ricercatori Concetta Nostro (fisico), Alessandro Amato (Dirigente di Ricerca) e Giulio Selvaggi (Direttore del Centro Nazionale Terremoti – CNT) hanno chiarito i termini dell’improbabile previsione.

Per la strada della prevenzione  sismica, attualissima dunque e’ la riflessione fatta più di un secolo fa dal grande sismologo Giuseppe Mercalli, il quale disse: possiamo dire dove si verificheranno i futuri terremoti in Italia, quali sono le regioni più a rischio, ma non quando.

L’unico modo per difendersi dai sismi, hanno spiegato gli studiosi dell’INGV e’ affidato alla prevenzione, ed  e’ prioritario in Italia sviluppare quel progetto di consolidamento del patrimonio edilizio, a partire dagli edifici sensibili (ospedali, scuole, prefetture…) che e’ stato annunciato più volte dai governi ma mai realizzato, eccetto per la Legge n.77 del 24 giugno 2009 (e’ la conversione di un decreto legge del 28 aprile 09 che dice: “recante misure urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici nella regione Abruzzo e ulteriori interventi urgenti di protezione civile”), dove  sono stati stanziati circa un miliardo nei sette anni che vanno dal 2010 al 2016.

L’importante e’ cominciare e in fretta, dicono gli esperti. Oggi nei Paesi più sviluppati, cioe’ quelli che hanno adottato politiche di prevenzione, la percentuale delle vittime e’ di un ordine di grandezza inferiore a quello dei Paesi in via di sviluppo. L’Italia purtroppo si avvicina di più a quei Paesi in via di sviluppo sotto il profilo della vulnerabilita’ sismica.

Ma c’e’ anche un modo positivo di affrontare la giornata del rischio sismico virtuale, che l’INGV ha voluto chiamare “Open day” della sismologia. Come ha spiegato Concetta Nostro, l’ INGV aprira’ le sue porte a tutti i cittadini romani che potranno discutere con i sismologi, assistere a dimostrazioni didattiche che spiegano come nasce un terremoto e quali effetti ha sul territorio e sulle opere civili, guardare  filmati su questi temi, visitare la sala sismica dove si registrano, istante per istante, i terremoti in corso (oltre 30 al giorno in Italia e nel Mondo).

L’11 maggio dunque appuntamento con la cultura sismica all’INGV in via di Vigna Murata 605, Roma.

Chi non potra’ venire in sede, potra’ seguire le attivita’ sul Canale YouTube INGVTerremoti o ascoltare gli aggiornamenti sul Canale INGV sul Social Media www.Freerumble.com